Il gelato è gusto nazionale. Freschezza del dolce e del sapore cremoso. Una libidine per il palato a cui siamo abituati da sempre, un piacere unico con cui siamo tutti cresciuti. Questo perché, banalmente, viviamo nel Paese del gelato, quello che in un certo senso ha dato ad esso i natali. Una cremosità lattosa soggetta, spesso, anche a tanta sperimentazione oltre ai gusti tradizionali che ben conosciamo.

La storia del gelato

Considerate le temperature fredde di cui necessita il gelato per la conservazione, potremmo pensare che esso sia una creazione successiva all’avvento degli apparecchi elettrici di raffreddamento, come i frigoriferi, e di conseguenza molto recente, non precedente all’ultimo secolo e mezzo della storia umana. In realtà il gelato ha numerosi progenitori, dall’antichità al Medioevo, anche se si parla più che altro di forme di frutta congelata.

La nascita del gelato moderno avviene però nel XVI secolo, grazie all’utilizzo diffuso delle ghiacciaie, quelle cavità sotterranee che venivano utilizzate, prima dell’avvento dei frigoriferi, per accumulare la neve durante l’inverno e tenerla fredda durante le altre stagioni. E ci sono due italiani, manco a dirlo, ad essere considerati i primi inventori del gelato: il fiorentino Bernardo Buontalenti e il siciliano Francesco Procopio dei Coltelli. Il secondo emigrò in Francia alla fine del XVII secolo e aprì un suo locale a Parigi, il Café Procope, tutt’oggi esistente.

Le gelaterie e le gelatiere oggi

Esistono una grande varietà di gelati e soprattutto esiste una continua sperimentazione sui gusti. Negli anni abbiamo visto e assaggiato i gusti più impensabili (si pensi allo stranissimo e curiosissimo gelato alla birra, molto in voga negli anni Novanta del secolo scorso). La possibilità di creare il gelato si è addirittura estesa a livello domestico ormai da decenni, con risultati molto allettanti per gli appassionati.

Questo grazie alla commercializzazione di massa delle gelatiere, ovvero apparecchi grazie ai quali chiunque di noi può, in casa propria, fare il proprio gelato artigianale. Gli appassionati hanno quindi di che sbizzarrirsi, con un occhio a fare la scelta giusta. Sulla base di ciò, la classifica delle top gelatiere stilata ultimamente può essere senz’altro utile.

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta