Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 12 ago – Con alcuni semplici grafici, a prova del più fervente sostenitore del mondo “senza confini”, proveremo che, per fermare l’immigrazione clandestina, basta semplicemente la volontà politica. Molte volte viene giustamente citata l’operazione Sovereign Borders e la campagna “No way”, entrate in vigore nel 2014, che ha permesso all’Australia di azzerare gli sbarchi clandestini e con essi anche le morti di immigrati in mare.



Cosa ha fatto l’Australia per combattere l’immigrazione clandestina? Tre cose: respingimenti assistiti dei barconi, creazioni di hotspot fuori dai confini nazionali per l’identificazione degli immigrati, esattamente sull’isola di Papua Nuova Guinea e sull’isola di Nauru, e campagna informativa nei Paesi di origine.

Black Brain
Campagna “No way”

Da Alfano alla Lamorgese, i numeri degli sbarchi a confronto

Basta confrontare gli sbarchi, avvenuti durante i diversi governi italiani, per rendersi conto che è necessaria solo la volontà politica per fermare l’immigrazione clandestina e per tornare sovrani dei propri confini nazionali.

Sbarchi immigrati dall’agosto del 2015 al luglio del 2021

Durante il governo Renzi, con Angelino Alfano al Viminale, con la flotta europea di Operazione Sophia e con le navi di 8 Ong che scaricavano immigrati solo e unicamente nei porti italiani, gli sbarchi medi mensili sono stati 14.220. Questi ultimi sono stati praticamente dimezzati quando al ministero dell’Interno sedeva Mauro Minniti. La riduzione a 7.812 sbarchi medi mensili è stata possibile grazie all’accordo Italia-Libia, alla conseguente istituzione della zona SAR (ricerca e salvataggio) libica con il riconoscimento dell’Organizzazione marittima internazionale (Imo) delle Nazioni Unite, e all’entrata in vigore del Codice di Condotta delle Ong, che ha determinato il ritiro di 3 organizzazioni non governative. Con Matteo Salvini al Viminale, gli sbarchi medi mensili sono stati 1.005. I Decreti Sicurezza e i rifiuti/ritardi alla concessione dei porti di sbarco alle navi delle Ong hanno fatto controllare il flusso di immigrazione verso l’Italia e hanno contribuito a far diminuire gli arrivi di immigrati anche in Libia. Veniamo al ministro Luciana Lamorgese. Gli sbarchi medi mensili sono tornati a salire e si attestano a 3.027, il triplo rispetto al periodo di Salvini e nonostante la pandemia globale. L’azzeramento dei Decreti Sicurezza e i periodici incontri al Viminale con le rappresentanze delle Ong, che di fatto hanno riportato l’Italia al 2016, hanno generato una nuova invasione di immigrati. Se prendiamo solo gli ultimi dodici mesi, dall’agosto 2020 al luglio 2021, gli sbarchi medi mensili sono stati 4.107.

Sbarchi immigrati dall’agosto del 2015 al luglio del 2021

Come fermare l’immigrazione clandestina

Durante il primo governo Conte, Matteo Salvini diede una grossa frenata all’immigrazione clandestina. Quello che mancò fu un solido impegno dell’allora ministro degli Esteri. Enzo Moavero Milanesi non strinse gli opportuni accordi con i Paesi di origine, per i rimpatri degli immigrati irregolari, e con i Paesi di transito, come la Tunisia, per i respingimenti assistiti. La ricetta è semplice, ma fino ad ora è mancata solo la volontà politica: rifinanziamento adeguato alla Guardia Costiera libica, che nel 2021 ha già salvato e riportato in Libia quasi 21mila immigrati, accordi con la Tunisia per i respingimenti assistiti dei barchini e delle cosiddette “navi madri”, accordi con i Paesi di origine per i rimpatri e per una comunicazione in stile “No way” australiana, creazione di hotspot nei Paesi di transito per l’identificazione e il rimpatrio degli immigrati, e infine la messa al bando delle Ong che causano un aumento delle partenze dei barconi (pull factor) e portano avanti una loro agenda politica, non certamente guidata da motivi umanitari visto che il 2016, anno in cui si registrò la massima presenza delle loro navi davanti alla Libia, è stato il periodo più fatale per le morti in mare, 4.581 per l’esattezza.

Immigrati morti nel Mediterraneo centrale dall’agosto del 2015 al luglio del 2021

Nel periodo compreso tra l’agosto del 2018 e il luglio del 2019, con Salvini al Viminale, morirono 72 immigrati in media al mese mentre, nel periodo compreso tra l’agosto del 2020 e il luglio del 2021, con la Lamorgese al Viminale, sono morti 139 immigrati in media al mese, in pratica il doppio. Fermare l’immigrazione clandestina significa anche salvare tante vite che altrimenti andrebbero perse in mare.

Francesca Totolo

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

6 Commenti

  1. speriamo di avere presto un governo intenzionato a salvaguardare i cittadini italiani ed interessato al bene del paese . Complimenti per il suo giornalismo sempre molto professionale.

  2. I governi non hanno volontà, eseguono le volontà di chi tira i fili
    https://www.ilprimatonazionale.it/primo-piano/cosi-gli-uomini-di-soros-hanno-scritto-il-programma-immigrazione-del-m5s-77760/
    per l’interesse dell’elite
    https://massimosconvolto.wordpress.com/2014/04/16/immigrazione-anti-deflazione/
    addirittura stampano guide
    https://www.liberatv.ch/news/cronaca/1292084/il-manuale-del-migrante-in-esclusiva-la-guida-di-47-pagine-che-le-guardie-di-confine-hanno-sequestrato-a-un-profugo-ricordati-che-la-poverta-o-la-ricerca-di-un-lavoro-non-sono-motivi-validi-per-ottenere-l-asilo-se-viaggi-in-treno-considera-che-le
    destinate a chi non ha bisogno di aiuto ma è “importato”, serve gente senza niente nel vecchio continente i mercati sono saturi, perché come dice sempre un caro amico #Italiano che in Africa vive
    https://twitter.com/piazzaaitalia
    “Chi ha veramente bisogno di aiuto non ha i soldi e nemmeno le scarpe per scappare in Europa. Per aiutare veramente la vera Africa bisogna aiutarla in Africa”
    Ma continueranno a importare chi non ha bisogno e lasciare nella m…a chi veramente avrebbe bisogno di aiuto.

  3. In Australia oltre alla volontà politica c’è il pragmatismo anglosassone, che forse gli inglesi europei e americani anch’essi con le loro ideologie politicamente corrette stanno perdendo, in Italia specialmente a sinistra il pragmatismo e il buon senso sono un miraggio.

  4. Di “sinistra” hanno tenuto solo l’etichetta per continuare a prendere in giro boccaloni ideologizzati che hanno il Prosciutto Deperito sugli occhi.
    Sono più leccaculo capitalista del centro capitalista che infatti Forza Italia è al traino della finta sinistra https://www.agi.it/politica/news/2021-08-09/reddito-cittadinanza-green-pass-maggioranza-governo-13534951/ la politica italiana è una ciofeca globale (e globalista).

Commenta