Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 28 feb – L’ex premier (delle élite), oggi senatore a vita Mario Monti, quando si tratta di difendere il fortino di Bruxelles, non guarda in faccia a nessuno. Neanche al senso del ridicolo. Alla vigilia delle Europee dello scorso anno, ad esempio, dallo studio della Gruber annunciò lo scoppio della terza guerra mondiale in caso di vittoria dei sovranisti. Oggi, più modestamente, ha trovato la ricetta per sconfiggere il coronavirus: per fermare il contagio, dice, serve più Europa. Tradotto: ogni occasione è buona per rilanciare le sue tanto amate cessioni di sovranità.

Ode alla globalizzazione

In un’intervista alla Stampa, Monti ha infatti asserito che «quando si arriva a questioni che hanno rilievo immediato al di là delle frontiere, come è per la salute pubblica, questo dovrebbe vedere l’Europa impegnata con chiari poteri e risorse». Insomma, invece di constatare che, in moltissimi casi, i confini servono eccome, l’ex presidente del Consiglio torna a chiederne l’abbattimento. Geniale, davvero.

Monti è rimasto al 2013

Ma l’(involontaria) ironia di Monti non finisce qui. Analizzando i danni economici provocati dal Covid-19, il senatore a vita afferma in maniera sorprendente che «sarebbe utile fare più deficit per contrastare l’effetto recessivo del virus», ossia l’esatto opposto dell’austerità che ha gentilmente somministrato agli italiani nel terribile biennio 2011-2013. «Ma non tutti potranno permetterselo nella stessa misura», aggiunge però subito dopo. Come a dire: la ricetta ce l’abbiamo, ma noi abbiamo purtroppo «vissuto al di sopra delle nostre possibilità», il solito ritornello neoliberale a cui non crede più nessuno (salvo lui). Per spiegare il concetto, Monti si lancia anche in un’improbabile metafora medica: «Se nella politica di questi anni si fosse fatto uso di un po’ più di Amuchina, senza nascondersi dietro tante mascherine, il virus dell’antipolitica sarebbe oggi meno diffuso». Avete letto bene: antipolitica. Monti sembra rimasto al 2013. Forse l’hanno ibernato. Perché il disco è sempre lo stesso.

Elena Sempione   

6 Commenti

  1. Quante bugie si dicono sui Monti!
    Avrebbe venduta la sovranità.
    Se così fosse, allora perché il nostro debito pubblico continua a chiamarsi sovrano ?
    No scusate, mi sto sbagliando.
    Il debito pubblico è l’unico sovrano che ci è rimasto.

  2. In ogni guerra c’è il BORSARO NERO che si riempie le tasche …. poi mi date dell’ anti semita …..
    IDIOTI !

    amuchina a 200 € !!! mascherine a 80 € !!!!!!

    la Globalizzazione ci ha portato :

    meno posti di lavoro
    delocalizzazione del know how
    fuga delle eccellenze (ricercatori, scienziati)
    chiusura di aziende al TOP
    e altri DISASTRI che pagheremo nei prossimi anni ….
    oltre al proliferare di VIRUS allogeni che NON avremmo patito in un mondo con
    FRONTIERE CHIUSE

    e MERDE UMANE che si sono arricchite alle nostre spalle COME I BORSARI NERI ,
    tra le quali …… il MONTI ed i suoi sodali Goldman !!!!!

    SOVRANISMO SUBITO !!!
    CHIUSURA DELLE FRONTIERE !!!!
    DAZI DOGANALI !!!!

    O la fine della nostra CULTURA …….

    Scegliete ORA o morite da globalizzati montiani …..

    ( ma VOI vi riempite le tasche come il sudicio omino col Loden ????? NO ???? allora se tifate
    global SENZA GUADAGNARCI ….
    ANDATE AFFANCULO !!!!!! Ve lo meritate , almeno Loden-man si sta riempiendo le tasche ,
    lui ed i sudici USURAI padroni suoi …..)

    Per fortuna mi risparmierò una Europa SERVA dei Savi Anziani di Sion ……
    sono troppo vecchio ….. ma il mio spirito continuerà a perseguitare i maledetti J….N …..

    Sieg Heil

  3. Monti è rimasto al 2013 ???? Direi piuttosto che è rimasto al 1943 quando lui in politica non ci capiva niente.

Commenta