Roma, 14 giu – Che Papa Francesco sia un grande sponsor dell’immigrazione di massa è risaputo. Che la Chiesa non riesca a farsi gli affari suoi e voglia metter becco sulle politiche di Stati stranieri, e in particolare dell’Italia, è altrettanto noto. Senza contare le inquietanti ingerenze del Vaticano nella formazione del governo gialloverde, Bergoglio tira dunque dritto con la sua posizione immigrazionista e non perde occasione per bacchettare il nuovo esecutivo. Ecco quindi che, da ultimo, il pontefice ci fa sapere che i “migranti” non sono numeri, ma persone da accogliere sempre e comunque, e che le frontiere vanno abbattute (eccetto quelle della Santa Sede, beninteso).

Papa Francesco lo ha messo nero su bianco in un messaggio inviato ai partecipanti al II Colloquio Santa Sede-Messico sulla migrazione internazionale. L’evento è sostenuto dalla Segreteria per i Rapporti con gli Stati della Segreteria di Stato e dall’Ambasciata del Messico presso la Santa Sede. Tra i promotori figurano anche la Pontificia Accademia delle Scienze e la Sezione migranti e rifugiati del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale. «Nella questione della migrazione – si legge nella nota – non sono in gioco solo numeri, bensì persone, con la loro storia, la loro cultura, i loro sentimenti e le loro aspirazioni. Queste persone, che sono nostri fratelli e sorelle, hanno bisogno di una protezione continua, indipendentemente dal loro status migratorio. I loro diritti fondamentali e la loro dignità devono essere protetti e difesi».

Dalle premesse buoniste si passa poi alla dura reprimenda morale: «Un’attenzione speciale va riservata ai migranti bambini, alle loro famiglie, a quanti sono vittime delle reti del traffico di esseri umani e a quelli che sono sfollati a causa di conflitti, disastri naturali e persecuzioni. Tutti costoro sperano che abbiamo il coraggio di abbattere il muro di quella complicità comoda e muta che aggrava la loro situazione di abbandono e che poniamo su di loro la nostra attenzione, la nostra compassione e la nostra dedizione». Insomma, Papa Francesco si conferma ancora una volta come il più grande promotore dell’invasione immigratoria e della sostituzione di popolo.

Federico Pagi

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

6 Commenti

  1. Oramai Francesco è considerato un eretico per molti cattolici.Oltre a permettersi di dire una volta parlando di una parabola che “Gesu’ ha fatto il finto tonto” e ad avere detto “chi sono io per giudicare i gay, ultimamente ha mandato un cardinale all’ incontro a porte chiuse del Bilderberg, consesso in mano alla dittatura finanziaria che decide i destini del mondo.Destini a favore dei ricchi, si intende

  2. I muri servirebbero per tenere lontani i comunisti come tal pontefice bergoglio, la feccia negra africana tutta in vaticano negli attici cardinalizi……..si vergogni,pensi a Pamela,allo spaccio, al degrado ed ai danni ignobili inferti al paese dai suoi amici indegni e bastardi……. Auguri

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here