Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 6 nov – Gelo in studio a Piazzapulita. Durante la puntata di ieri sera, infatti, il conduttore Corrado Formigli ha mostrato una clip in cui la televangelista Paula White, consulente spirituale di Trump, fa un rito propiziatorio al fine di ottenere la vittoria elettorale per il presidente Usa. Inoltre, Formigli si scaglia contro i sostenitori di «The Donald», accusati di «negazionismo» e di scendere in piazza senza mascherina. Di fronte a questo spettacolino, con Formigli che parla addirittura di «tribalismo», Federico Rampini mostra tutta la sua disapprovazione. E infine interviene: «No, scusate, io vorrei prendere le distanze da queste caricature», mettendo in imbarazzo il conduttore, ancora compiaciuto per la sua tirata anti-Trump.

«Media quasi tutti di sinistra»

Il corrispondente dagli Stati Uniti per Repubblica, che già un mesetto fa aveva rotto a Formigli le uova nel paniere, spiega così la sua posizione: «Tu hai fatto vedere un comizio in Florida con tutti i repubblicani senza mascherina. Corrado, quando qui a giugno le piazze erano piene di giovani che manifestavano contro il razzismo e stavano incollati gli uni agli altri senza mascherina, nessuno ha detto niente, nessuno li ha accusati di essere negazionisti e di diffondere il virus», sbotta Rampini. Che prosegue: «Abbiamo avuto l’equivalente dei comizi della Florida per Trump, c’era l’equivalente di sinistra, ma siccome la stragrande maggioranza dei media sono schierati da quella parte, silenzio totale».

Rampini contro Black lives matter

Rampini, insomma, non ci sta a narrazioni giornalistiche di parte, e quindi scorrette: «E anche questa che tu hai fatto vedere, la Paula White, certo che è una macchietta, però attenzione, perché se ci soffermiamo troppo sulle macchiette, si fa un errore». A quel punto un imbarazzatissimo Formigli prova a difendersi: «No, ma io volevo farvi vedere una cosa curiosa…». Ma Rampini ormai è un fiume in piena: «No Corrado, attenzione: nei comizi di Black lives matter trovi gli stessi toni esagitati, alcuni comizianti sembrano degli invasati». E poi la chiusa: «Quelli di Black lives matter hanno regalato voti a Trump».


Vittoria Fiore

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta