Roma, 29 ago –  Il blocco navale proposto da Giorgia Meloni per contrastare l’immigrazione clandestina sarebbe uno scenario disumano “da ventennio”, secondo Nicola Fratoianni. E ancora una volta, il richiamo al fascismo è servito.

Blocco navale “disumano, da ventennio”

Il delirio che sul tema della clandestinità coinvolge la sinistra non poteva che trovare un florido esponente nel segretario di Sinistra Italiana. Fratoianni la spara sul melodrammatico e solidale, come da tradizione, e come riportato da Adnkronos. E sempre per tradizione, non si può non citare l’onnipresente fascismo:  “Semmai questo scenario disumano avesse la benché minima possibilità di essere messo in mare, l’Italia sarebbe fuori da tutti i trattati internazionali e dal Consiglio d’Europa. L’ultima volta che l’Italia si trovò estromessa dalla comunità internazionale fu durante il ventennio…”.

Le difficoltà reali

Certamente, le difficoltà reali di attuare una proposta simile ci sono. E sono di natura politico-economica, non certo inerenti i trattati, i quali possono sempre essere discussi, non facendo neanche leva sul fatto che Paesi come la Spagna hanno in passato addirittura aperto il fuoco sui barconi di clandestini. In ogni caso, la vicenda di Carola Rackete, ma anche di numerose altre Ong, specialmente nel periodo di ministero degli Interni Salvini, hanno messo in luce la oggettiva debolezza dello Stato nel poter reagire frontalmente al fenomeno. Se perfino Romano Prodi negli anni Novanta attuò un blocco navale, oggi i tempi sono notevolmente cambiati. A danno, come al solito, della cittadinanza autoctona. Dal canto suo, la Meloni continua a insistere: “È giunto il momento di voltare pagina. Avverrà il 25 settembre se gli italiani ci daranno fiducia”. Chiunque dotato di senno spererebbe che tali parole si trasformassero in concretezza, almeno in parte.

Stelio Fergola

La tua mail per essere sempre aggiornato

6 Commenti

  1. N.Fratoianni studia se sei capace e scoprirai che il ventennio ha costruito scuole, strade, ospedali in quell’ Africa dove oggi la tua cultura utopica, capitalistica d’ antan, progressista costi quel che costi (sic), caccia e scaccia per mangiarsi e far mangiare (agli “amici” tuoi?), le migliori fette. Nicolino c’è anche il natale minuscolo… Cresci se riesci visto che dalle parti tue ti considerano una mente eccelsa.

  2. nulla di pi’ e nulla di meno di un analfabeta funzionale , zecca rossa sottoprodotto dei social merdwork , in altri tempi sto tizio era gia da tempo al Tso per evidenti disastri psichici con perniciosa attitudine alla reificazione del reato!

  3. Ma che cavolo dicono, per risolvere il problema dell’immigrazione alla radice bisogna modificare i trattati! Che l’Italia ha firmato.. e i politici non vogliono farlo perchè ci guadagnano. Rivedere la posizione dell’Italia in Ue per motivi legali.. Limitare l’importazione dall’est Europa di manodopera a basso prezzo che crea dumping salariale e lascia molti italiani senza lavoro a causa di concorrenza sleale perchè mandano i soldi in paesi nei quali il costo della vita è minore. Quindi il problema è proprio l’opposto di quello che dice la sinistra! Il Blocco navale(poi voglio vedere con quali modalità) nel lungo periodo.. in assenza di un cambiamento delle norme.. è aria fritta! Altro che ventennio! La sinistra ci è o ci fa? fanno ridere. Sono i migliori cercavoti per il centrodestra. è il mio parere.

Commenta