Il Primato Nazionale mensile in edicola

Tokyo, 13 feb – Il coronavirus spaventa il mondo, dopo che è stato annullato il Mobile World Congress di Barcellona, voci parlano di un possibile rinvio delle Olimpiadi di Tokyo, anche se gli organizzatori smentiscono ufficialmente. “Tenendo in debita considerazione l’ambiente sicuro e salubre di Barcellona e del Paese ospitante, è stato annullato il Mobile World Congress di Barcelona 2020 perché la preoccupazione globale per l’epidemia di coronavirus, preoccupazione per i viaggi e altre circostanze, rende impossibile organizzare l’evento“. Con queste poche parole si annuncia la cancellazione della più grande fiera della tecnologia mobile al mondo.

Ceo Tokyo 2020: “Non stiamo pensando di posticipare o annullare i Giochi”

Invece, a quanto pare, il coronavirus non spaventa gli organizzatori di Tokyo 2020 (24 luglio-9 agosto), ma in realtà le voci di un possibile rinvio si fanno sempre più insistenti. “Non stiamo pensando di posticipare o annullare i Giochi“, ha chiarito il ceo di Tokyo 2020 Yoshiro Mori. In verità a poco più di 160 giorni dalla cerimonia di apertura, le preoccupazioni si moltiplicano. “Rumors irresponsabili”, taglia corto Mori. All’inizio di una riunione con i membri del Comitato olimpico internazionale e con il governo di Tokyo, Mori assicura che ”ci coordineremo con il governo e reagiremo in modo calmo”.

Tutti gli eventi cancellati in Asia

L’epidemia che si è propagata da Wuhan, nella provincia dello Hubei, epicentro della diffusione del morbo, ha già provocato la riprogrammazione di una serie di eventi sportivi nel continente, dalle qualificazioni olimpiche di boxe e basket al Gran Premio di Shanghai di Formula 1.

Ludovica Colli

Commenta