Sesto San Giovanni, 19 apr – Bisognerebbe smetterla con i “pregiudizi” contro i rom e i nomadi in generale. C’è da dire però, che dall’altra parte ce la mettono tutta a confermare cliché e luoghi comuni. Accade così che mercoledì notte un matrimonio tra due nomadi poco più che bambini si sia trasformato nel far west. Quindici anni lui, quattordici lei, e i parenti che pensano bene di risolvere la disputa sulla futura abitazione dei due sposini a colpi di pistola. Questo è in sostanza quanto accaduto mercoledì notte a Sesto San Giovanni in provincia di Milano.

Questa la ricostruzione dei fatti ad opera della polizia. La madre 47enne della ragazzina di 14 anni ha iniziato a discutere animatamente con i parenti del futuro marito. La discussione è degenerata subito in una aggressione fisica ai danni della donna e della figlia. In loro difesa è intervenuto il capofamiglia (di anni 51), che le ha caricate sull’auto per portarle all’ospedale Bassini. I parenti del futuro maritò però non hanno perso tempo e si sono messi all’inseguimento della vettura con a bordo la famiglia della futura sposa.


Durante il rocambolesco inseguimento dall’auto con a bordo i parenti dello sposo 15enne sono partiti 4 colpi di pistola, uno dei quali è andato a segno e ha infranto il fanalino posteriore della vettura. Due persone (con cittadinanza italiana) sono state indagate per tentato omicidio.

Davide Romano

Commenti

commenti

3 Commenti

  1. […] Milano, 9 mag – Nel momento in cui si parla molto, per lo più a sproposito, della questione rom e molta gente, a dispetto dei giornaloni, si sta accorgendo di quanto questa sia drammaticamente problematica per le nostre città, specie nelle periferie, ecco una vicenda di cronaca, tra le tante. E’ usanza tra i nomadi concordare matrimoni tra minori, anche giovanissimi, per quelle che assomigliano a delle vere e proprie alleanze tra famiglie. Una consuetudine che, nel nostro contesto sociale, appare già di per sé discutibile, ma il tutto diventa decisamente ancor meno accettabile quando accadono fatti come quello registratosi poche settimane fa alle porte di Milano. […]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here