Il Primato Nazionale mensile in edicola

Parigi, 3 lug – Il governo francese guidato dal primo ministro Edouard Philippe si è dimesso. Lo ha riferito l’Eliseo in una nota. Il passo indietro del premier, che continuerà a gestire gli affari correnti, apre la strada a un rimpasto di governo, secondo i media francesi. Il presidente Emmanuel Macron nominerà nelle prossime ore il nuovo premier, comunica ancora l’Eliseo. “Nel corso di un colloquio avuto ieri il presidente della Repubblica e il premier hanno condiviso la necessità di un nuovo governo per incarnare una nuova tappa del quinquennato, un nuovo cammino”, si legge nella nota.

“Decisione concordata”

Secondo quanto riporta Le Figaro, la decisione è stata “concordata” nel corso di un incontro avvenuto stamattina tra Philippe ed il presidente. Secondo il quotidiano francese, Macron dovrebbe lavorare alla formazione della squadra di governo nel fine settimana ed il nuovo esecutivo potrebbe vedere la luce entro mercoledì 8 luglio, in occasione del prossimo Consiglio dei ministri.

Il rimpasto era imminente

In effetti i media francesi da giorni parlavano di un rimpasto imminente, e con le dimissioni del governo non c’entra tanto l’exploit dei Verdi alle municipali, ma proprio il crollo del partito del presidente (a cui va unita la grande popolarità di Philippe dovuta alla gestione dell’emergenza coronavirus). Lunedì Macron e il premier dimissionario, appena rieletto sindaco di Le Havre (con il 58% dei voti) e molto popolare nei sondaggi, si erano parlati prima dell’intervento di Macron alla Convenzione sul clima.

Scatta il totonomi

Ora scatta il totonomi. Come successore del premier, la rosa dei possibili candidati comprenderebbe, a quanto pare, l’attuale ministro degli Esteri Jean-Yves Le Drian, ma anche il ministro della Difesa, Florence Parly. Sarebbe la prima donna ad ereditare l’incarico dai tempi di Édith Cresson (con Mitterand presidente). Philippe potrebbe ricandidarsi in futuro, puntando alle presidenziali del 2022 o del 2027. Non è tuttavia del tutto escluso che Macron decida di mantenere Philippe al suo posto. Intervistata in diretta da Bfm-tv, Agnès Firmin Le Bodo, deputata di Seine-Maritime vicina al premier dimissionario, parla di “nuovo slancio, forse con la stessa persona”.

Ludovica Colli

1 commento