Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 16 gen – Alla fine la spunta l’opposizione. Il presidente del Senato Elisabetta Casellati ha convocato la Giunta per il regolamento sul caso Gregoretti per le ore 16 di oggi. Dovrà valutare se la Giunta per le immunità del Senato può riunirsi il 20 gennaio prossimo nonostante la sospensione dei lavori dell’Aula e delle commissioni dal 20 al 24 deciso nei giorni scorsi dalla conferenza dei capigruppo in vista delle elezioni regionali. La maggioranza giallofucsia, come è noto, vorrebbe rimandare il voto sull’autorizzazione a procedere per Matteo Salvini, indagato per sequestro di persona aggravato dall’abuso dei poteri del ministro dell’Interno, per la vicenda della nave Gregoretti. Questo perché teme che il leader della Lega utilizzi il voto in Giunta come arma elettorale per l’Emilia Romagna, alle urne pochi giorni dopo, domenica 26.

Lega, FdI, FI: “Volete processare Salvini ma non avete il coraggio di farlo prima delle elezioni”

La richiesta di LegaFratelli d’Italia e Forza Italia di convocare la Giunta per il regolamento aveva scatenato lo scontro con la maggioranza. “Noi riteniamo che il presidente Gasparri sia stato esaustivo e quindi che si debba conservare il calendario votato all’unanimità, l’abbiamo detto più volte – ha detto la capogruppo di FI Anna Maria Bernini in Aula – La maggioranza non vuole convocare la Giunta per il regolamento, perché loro vogliono farlo solo quando vincono“. Molto più diretto l’attacco del capogruppo della Lega, Massimiliano Romeo: “Volete processare Salvini e non avete il coraggio di farlo prima delle elezioni“. Per Isabella Rauti, presidente dei senatori di Fratelli d’Italia, si tratta di “una questione esclusivamente politica” e “il rinvio della data è scandaloso“, perché “nasconde la volontà di processare Salvini, ma di farlo solo dopo le elezioni”. Ciò detto, FdI “rilancia l’appello di Giorgia Meloni per una mobilitazione generale, perché non c’è solo l’Aula ma anche il Paese e la piazza”.

Marcucci: “Chiediamo integrazione membri mancanti”

Dalla maggioranza ha replicato il capogruppo del Pd Andrea Marcucci: “Credo che la proposta della senatrice Bernini sia solo provocatoria. Noi abbiamo rinunciato a una nostra mozione per venire incontro” alle esigenze della minoranza. Poco prima alcuni senatori di maggioranza avevano sottolineato come nella Giunta per il regolamento non ci sia una completa rappresentanza parlamentare (formata da 10 membri di cui 3 della Lega, 2 di Forza Italia, 2 del Pd, 2 del M5%, uno di Fratelli d’Italia oltre alla presidente del Senato che guida la Giunta stessa). Marcucci ha quindi aggiunto: “Volevo capire se la convocazione della Giunta per il regolamento è per procedere, come prevede il regolamento, all’integrazione dei membri mancanti visto che non c’è equilibrio e che quell’organismo oggi non garantisce la corretta rappresentanza democratica di questo Senato. Io così la interpreto”.

La replica della Casellati: “Io non rappresento il sesto membro dell’opposizione”

A rispondergli indirettamente ci pensa la presidente del Senato: “Voglio fare una precisazione. Esiste la formazione cinque a cinque: io non rappresento il sesto membro dell’opposizione. Io rappresento l’intero Senato, maggioranza e opposizione”. “E’ una doverosa specificazione sui numeri” della Giunta, precisa la Casellati.

Gasparri propone di bocciare la richiesta di autorizzazione a procedere

Come è noto, il voto in Giunta per le immunità sarà sulla relazione con la quale il presidente Maurizio Gasparri propone di bocciare la richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti dell’ex ministro dell’Interno richiesta dal Tribunale di Catania per il caso Gregoretti. Il voto è previsto per il prossimo 20 gennaio.

Adolfo Spezzaferro