Lesbo, 2 mar – Dopo il “liberi tutti” delle autorità di Ankara decine di migliaia di immigrati, principalmente profughi siriani, stanno letteralmente prendendo d’assalto le frontiere greche nel tentativo di oltrepassare il confine terrestre tra la Turchia e la Grecia e riversarsi in Europa. Un’emergenza migratoria dalle proporzioni catastrofiche se si pensa che Erdoğan sta per aprire la strada ai quasi 4 milioni di rifugiati ospitati da Ankara nel caso l’Europa non voglia appoggiare le politiche di espansione turche in Siria..



Le popolazioni greche sul confine si stanno organizzando in queste ore per respingere le circa 117mila persone ammassate alla frontiera (dati di Ankara), dove Atene sta dispiegando l’esercito. A Lesbo, gli abitanti al culmine dell’esasperazione aggrediscono giornalisti, rappresentanti delle Ong e polizia e si assembrano in gruppi per impedire gli sbarchi in arrivo dalla Turchia. Stamattina quattro gommoni con a bordo oltre 200 immigrati sono sbarcati in meno di quattro ore. Ad accoglierli, una “delegazione” di autoctoni che dalla banchina del porto ha iniziato ad insultare e minacciare i clandestini, dicendo loro di andarsene, e hanno aggredito anche i giornalisti. Secondo quanto riportato dagli stessi, anche le forze dell’ordine sono rimaste immobili mentre veniva consumata la scena.

Nel frattempo Erdogan non solo minaccia di aprire le porte a 4 milioni di persone, ma mette sul tavolo l’ipotesi di aprire un passaggio nel confine sud con la Siria per “permettere il passaggio di ulteriori profughi nel caso in cui non riuscisse ad avere la meglio sulle forze russo-siriane che si oppongono ai turchi nel nord ovest della Siria”. E ritorna a minacciare Bruxelles: “Da quando abbiamo aperto i nostri confini, il numero di migranti diretti in Europa è di centinaia di migliaia. Presto sarà nell’ordine di milioni. Ora anche voi condividerete il fardello”.

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

Articolo precedenteCrolla un ponte vicino a Siena: da anni era considerato pericolante
Articolo successivoNoleggio furgoni a Milano: sconti in vista
Classe 1977, nata nella città dei Mille e cresciuta ai piedi della Val Brembana, dell’identità orobica ha preso il meglio e il peggio. Ex musicista elettronica, ha passato metà della sua vita a fare cazzate negli ambienti malsani delle sottoculture, vera scuola di vita da cui è uscita con la consapevolezza che guarire dall’egemonia culturale della sinistra, soprattutto in ambito giovanile, è un dovere morale, e non cessa mai di ricordarlo quando scrive. Ha fatto uscire due dischi cacofonici e prima di diventare giornalista pubblicista è stata social media manager in tempi assai «pionieri» per un noto quotidiano sabaudo. Scrive di tutto quello che la fa arrabbiare, compresi i tic e le idiozie della sua stessa area politica.

5 Commenti

  1. A parte che li ha inviati il bieco MErdogan per ricattarci ……
    Guardate i gommoni …. costano tra i 30 e i 40 mila euro ….. quelli che fanno cagare ,
    quelli nelle foto vanno dai 70 mila ai 100 mila € !!!! e sono NUOVI …..

    CHI finanzia l’ invasione della nostra TERRA MADRE ??????

    Hanno picchiato un giornalista e respinto l’ invasore ?

    è stata una Chrysí̱ Av̱gí̱ !!!!!

    RE Λεωνίδᾱς siamo pronti a COMBATTERE !!!!!

  2. Bombardare la Turchia e TERMINARE il Sultano ????

    I suoi amici Americani-Massoni ci mettono una vita a “decidere” ….
    fatto compiuto ed appoggio ai Militari Turchi …. e la Turchia ritorna “amica”
    come l’ Egitto ……

    3/4 mila fratellini muslim in cenere ….. FINITA la STORIA ….
    Appoggio assoluto ad Assad e Putin …. strada tutta in discesa .

    Peccato non avere un governo MILITARE in Italia …..

  3. Condivederete il fardello? questo prima scatena il casino ai confini e subito dentro la Siria e poi ci lancia quasta minaccia. Solo l’accozzaglia della LUE crucca può cedere di fronte a questo. Viva la resistenza greca

Commenta