Roma, 29 lug – Viktor Orban ancora contro l’immigrazione clandestina di massa. Non è certamente una novità, ma il presidente ungherese ha espresso stavolta concetti più importanti, dopo l’affermazione “contro le mescolanze” – ripresa anche da Fanpage – che ha fatto scoppiare i fegati globalisti e progressisti.

Orban, l’immigrazione clandestina e la difesa della cultura ungherese

Viktor Orban dunque reagisce agli attacchi. E chiarisce ancora meglio il suo punto di vista durante un incontro con il cancelliere austriaco Karl Nehammer, riportato da Adnkronos: “Ho una posizione chiara e diretta, mi definisco un politico anti-immigrazione e anti-immigrati. Non è un problema razziale, è un problema culturale. Vogliamo mantenere la nostra civiltà come è ora e in questo aspetto ci differenziamo dall’Austria. Proteggeremo sempre i nostri confini”. Nessun compromesso, Ungheria libera, sovrana ma soprattutto salva nella sua identità. Un accorato richiamo al diritto di esistere del popolo e della cultura ungheresi.

Un presidente contro un enorme sistema culturale (ed economico)

Orban non molla. A dispetto di un mondo, quello occidentale, che a mollare ci pensa eccome. Ogni giorno, ogni anno. Da anni. Decenni. Un mondo occidentale che – pezzetto dopo pezzetto – disfà le proprie tradizioni, le proprie identità, smette di procreare e punta dritto a una sola cosa: l’estinzione. Etnica, culturale, nazionale. Impossibile non difendere un personaggio che, a dispetto della pioggia di critiche che gli viene versata, a dispetto di un mondo politico globalista che non vede letteralmente l’ora di farlo fuori, continua a pensare controcorrente e soprattutto ad agire in tal senso. Nonostante il suo piccolo Paese, nonostante i suoi limitati mezzi. Un altro esempio – ben peggiore, vista la realtà veramente piccola che corrisponde all’Ungheria – non seguito dalla nostra povera Italia. Paese dai mezzi infinitamente maggiori ma totalmente bloccato in un impasse mortifero sotto ogni punto di vista.

Stelio Fergola

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

Commenta