Roma, 19 mag – Il rapimento ad una fermata dell’autobus mentre aspettava la corsa che la riportasse a casa, a Guidonia, dopo una lunga giornata di lavoro. Poi le sevizie e lo stupro, di gruppo, ad opera di 4 immigrati.
Vittima della terribile violenza una 44enne italiana, avvicinata da due immigrati indiani su una Panda Rossa che hanno tentato di scambiare qualche parola con la donna, offrendole un passaggio. Di fronte al suo diniego – e approfittando del’assenza di testimoni: in quel momento la banchina era vuota – l’hanno così caricata a forza in auto, dove è stata picchiata e minacciata con un coltello. Poi il lungo viagio lontano da occhi indiscreti per incontrarsi con altri due complici, anch’essi bengalesi. Qui, in una strada sterrata alle porte della Capitale, l’immane violenza: sull’inerme vittima si sono scagliati tutti, stuprandola a turno e poi abbandonandola sul selciato.
La donna è riuscita, recuperate le forze dopo le terribili ore, ad allertare le forze dell’ordine, che l’hanno recuperata e portata in ospedale in stato di shock.

6 Commenti

  1. Grazie piddini,quante belle risorse che ci aiuteranno a progettare centrali a fusione e razzi all’idrogeno per Marte………. Bestie disumane,tribali e ignoranti……. Come mai la boldrina o altre fenomene del pd non ne accolgono un po in casa loro di questi intellettuali dallo stupro facile………. e le femministe comuniste??? Non cantano bella ciao??? Vergognatevi

  2. Se ci fossero stati presenti alcuni di casa paund la mamma di 44 anni non sarebbe stata sequestrata e stuprata, meditate femministe oppure vi sta bene così…

  3. Il PD li ha fatta entrare allo sbaraglio,senza integrarli,lungua corsi di educazione civica e poi che pavoro e futuro offrirgli non ce n e’per noi….ma cosa importa ai poteri forti…intanto qui soggiornano,maschi giovani,soli in cerca di presunto futuro migliore,i poteri che nn si preoccupano senza preoccuparsi che hanno comunque i loro istinti e li usano sfogare in maniera primordiale,al loro paese concezione della donna completamente diversa… chi li deve soddisfare,ah certo…qlche donna italiana malcapitata qua e la’….e’ora di usare le maniere dure!!!con un governo che difenda noi italiani!!

  4. Esiste una possibilità ogni quattro che la vittima delle “risorse” sia un/una pidiessista….. L’ unica speranza è che la violenza delle “risorse” ricada in toto sulle loro colpevoli teste…!!!….. Spes ultima Dea…..

  5. […] La scène est digne d’un film d’horreur. Il est aux environs d’une heure du matin dans la nuit du jeudi 17 au vendredi 18 mai à la station de métro Rebibbia à Rome. Une femme de 44 ans, venant de sortir de son travail, attend le bus de nuit. C’est à ce moment-là qu’elle se fait aborder par deux hommes qui, au prétexte de lui demander un renseignement, la menace rapidement avec un couteau. […]

Commenta