Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 10 nov – “Aspetto il risultato ufficiale delle elezioni, visto che la discussione è ancora aperta in diversi Stati, quando ci sarà il vincitore ufficiale avrà tutte le mie congratulazioni“. Parola di Matteo Salvini, che dopo aver indossato per giorni la mascherina pro-Trump non si è ancora congratulato con Joe Biden, dato per vincitore dai media Usa e salutato come 46 esimo presidente dalla stragrande maggioranza dei governi mondiali. Il leader della Lega infatti figura – con i dovuti distinguo – tra coloro che si esprimeranno soltanto quando le elezioni Usa saranno davvero concluse (e potrebbe volerci tempo, vista la battaglia legale di Trump per i riconteggi e le indagini sui brogli). Una lista di tutto rispetto, a partire da Putin ed Erdogan, per arrivare a Xi Jinping.

“Il vincitore non lo decide la stampa o la tv”

Poi Salvini chiarisce che “i nostri rapporti con gli Usa saranno ottimi e privilegiati a prescindere dal nome del vincitore, ma il vincitore – ribadisce – viene decretato dall’ufficialità, che ancora non c’è. Incredibilmente a una settimana esatta dal voto non c’è ancora un risultato, una cosa bizzarra, e non lo può fare la stampa o la tv. Appena ci sarà l’ufficialità ci complimenteremo con il nuovo o il rieletto presidente Usa”, conclude il leader della Lega in conferenza stampa al Senato.

Nel centrodestra come è noto, Lega e Fratelli d’Italia hanno tifato per Trump durante le presidenziali, soprattutto in ragione della politica estera del presidente Usa, che in questi ultimi 4 anni non ha nociuto più di tanto alla sicurezza dell’Italia. A sottolineare come invece il centrosinistra nostrano si sia sperticato in lodi a Biden esultando in modo scomposto (e anche ridicolo) è stata Giorgia Meloni: “Ho provato un certo imbarazzo nel leggere il tweet del commissario Ue Gentiloni che diceva di essere così felice per la vittoria di Biden che si stava abbracciando da solo“.

Meloni: “Censura, violenza: tutto è lecito per la sinistra per sconfiggere il ‘mostro pericoloso'”

“Il messaggio che provano a far passare è che è stato sconfitto un mostro pericoloso e non un avversario politico legittimato dal consenso popolare – sottolinea la leader di FdI -. È una distorsione delle normali dinamiche democratiche che la sinistra sta mettendo in atto negli Usa come in Europa: qualsiasi mezzo è lecito per sconfiggere la pericolosa destra. Magari anche la censura sui media oppure il ricorso alla violenza“. La strategia è quella di “demonizzare l’avversario e con lui i cittadini che condividono quelle stesse idee” ma, conclude la Meloni, “mi piacerebbe avere di fronte una sinistra capace di confrontarsi sulle proposte”.

Adolfo Spezzaferro

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta