Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 22 giu – “Nel giro di un anno si deciderà se esisterà ancora un’Europa unita oppure no”. Lo ha detto, come riportato dall’Ansa, il ministro dell’Interno Matteo Salvini in un’intervista al settimanale tedesco Der Spiegel in uscita domani.
L’anticipazione del giornale, purtroppo celebre per aver definito gli italiani dei “mendicanti”, sarebbe solo un antipasto delle forti dichiarazioni rilasciate da Salvini. “Se il tutto è diventato privo di senso”, ha detto inoltre il leader della Lega, “si vedrà in particolare nelle trattative sul bilancio e nel contesto delle elezioni del 2019″.

5 Commenti

  1. Tiriamo fuori le palle,abbiamo tutto in abbondanza, fan culo francesi e tedeschi, questa Europa razzista e anti italiana fa schifo…….era ora che qualcuno alzasse la voce. I piddini hanno ridotto l’Italia una latrina islamico-africana , a costo di farci sparare dalla casta non possiamo soccombere in silenzio.

    • Amico io non son disposto a farmi sparare da questa cosca mafiosa piddincomunista : se dovesse accadere POVERI LORO…..MOLTI DI LORO. SONO UN OTTIMO TIRATORE E, ALL’OCCORRENZA TIRERÒ FUORI UN’ARTIGLIERIA ADEGUATA CHE MI CONSENTIRÀ DI ANDARE ALL’INFERNO IN NUMEROSA COMPAGNIA : cercherò i loro figli, maschi e femmine non importa ; son di bocca buona e darò in quel caldo luogo fasto e lustro AI LUPERCALI di imperial romana memoria.

  2. concordo:
    ormai il sogno europeo è andato in vacca…
    di quel miraggio di grandezza sognato da de gasperi,adenauer,spinelli
    e altri non è rimasto niente:
    l’egoismo tedesco,francese e di molti altri gli ha sparato un colpo in testa.
    adesso è ora di scoprire le carte:
    o si rifonda il sogno e ci si muove davvero
    per fare un’europa in cui valga la pena vivere,
    o meglio lasciar perdere e pensare ognun per sè
    perchè tutti gli altri sono rivali o nemici,
    comunitari compresi.

  3. Strategia italiana che dovrebbe partire da una nuova visione conseguente ai malgoverni precedenti. In fine abbiamo capito che l’Italia doveva diventare il campo profughi/immigrati clandestini di infimo livello, la popolazione italiana doveva essere rieducata e ogni tanti si sentiva che la popolazione non era adeguata a votare. La barriera delle alpi faceva da muro naturale con già i valichi per i controlli. Quindi per un’italiano, è meglio avere un’altra visione da realizzare. Gli Stati oltralpe che si tolgano di mezzo, l’Italia deve prendersi il ruolo primario di regina del mediterraneo, la Libia deve essere il nostro alleato principale. Il 70% degli italiani con due lauree diranno che abbiamo già avuto alleanze con la Libia e che sono finite male. Lo scenario è cambiato, la storia ha insegnato, le cose finiscono sempre in due modi, o male o bene, questa volta deve finire bene per noi tutti. Il 30% degli altri italiani con due lauree, devono trasformare questa visione dell’Italia regina del mediterraneo in senso politico e tecnico.Il suggello a questa alleanza deve essere il LAVORO con ed in Libia e sottrarre tutti quei meravigliosi contratti che si sono presi gli Stati oltralpe.

Commenta