Roma, 11 mag – Londra e Mosca, ancora scintille, ancora attriti, ancora dichiarazioni pericolose. Prima da una parte, poi dall’altra. In questo caso, è dalla capitale inglese che vengono le dichiarazioni più forti, come riporta l’Ansa.

Londra, minacce a Mosca. Dal Cremlino acqua sul fuoco

Svezia e Finlandia potrebbero presto aderire alla Nato, come si discute a riguardo ormai da tempo. Londra non sta a guardare e alza i toni con Mosca. Come? Il governo britannico, per bocca del primo ministro Boris Johnson, dichiara apertamente che se i due paesi dovessero essere attaccati dalla Russia, avranno il loro sostegno. Ancora si presume un supporto esterno, dal momento che le due Nazioni non sono parte della Nato. Ma l’intervento del premier inglese si era concentrato esattamente sul dibattito riguardo il loro ingresso nell’Alleanza Atlantica. Dal canto suo, il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov cerca, stavolta, di gettare acqua sul fuoco, affermando di non desiderare, in rappresentanza della Russia, alcuna guerra in Europa.

La precedente provocazione sulla televisione russa

“Un missile, Boris, e la Gran Bretagna non c’è più”. Una sintesi terrorizzante delle parole del conduttore russo Dimitry Kiselyov citando il missile Poseidon, in grado di “innescare uno tsunami radioattivo di 500 metri che potrebbe spazzare via il Regno Unito. L’esplosione del siluro termonucleare vicino alla costa Gb causerà uno tsunami gigante, alto fino a 500 metri. Viaggia a una profondità di 1 km e ad una velocità di 200 km all’ora. Non c’è modo di fermarlo”. E infine: “Un solo lancio, Boris, e non c’è più l’Inghilterra“.

Alberto Celletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. OBLAST DI KARKOF

    https://it.wikipedia.org/wiki/Oblast%27_di_Charkiv

    Chappy è un brano musicale scritto da Riccardo Zara ed inciso da I Cavalieri del Re come sigla dell’anime La maga Chappy. Il brano venne rimaneggiato per tre volte prima di giungere alla versione definitiva; Riccardo Zara mantenne la musica per l’anime Chappy riadattando il testo ma, al telefono con Olimpio Petrossi che gli comunicava le sinossi degli anime su cui comporre i testi, comprese male il sesso del protagonista scambiandolo per un maschio, scrivendo Chappy lo stregone. Una volta compreso l’errore venne realizzata la versione definitiva della sigla.

    https://www.youtube.com/watch?v=K5Aaowz5FqQ

Commenta