Roma, 14 ott – Silvio Berlusconi non ha digerito il “no” secco di Giorgia Meloni a Licia Ronzulli ministro, e questo lo sapevamo già. Ciò che però non sapevamo è che il fondatore di Forza Italia avesse addirittura appuntato ciò che pensava sul leader di FdI durante la seduta di ieri.

Berlusconi, gli appunti contro la Meloni: “Arrogante e offensiva”

La notizia è stata rilanciata da Repubblica che ha pubblicato una foto choc, quella di un foglietto di appunti scritto da Berlusconi durante la seduta di ieri a Palazzo Madama. Le parole che si leggono dalla foto scattata “di rapina” sono piuttosto inequivocabili: “Giorgia Meloni, un comportamento supponente, prepotente, arrogante, offensivo, ridicolo. Nessuna disponibilità ai cambiamenti, è una con cui non si può andare d’accordo“. Poi un ultimo punto, la parola “ridicolo” che però viene cancellata. Come si riflette sulla scaletta, Berlusconi non ha in programma di parlare. Di conseguenza, quegli appunti, sono da interpretarsi come uno sfogo diretto. Anche se, chissà, non si può mai escludere la pista del “calcolo” di qualche consigliere particolarmente scaltro sulla presenza dei fotografi.

Governo e maggioranza in salita

È chiaro che, indipendentemente dalle ragioni che hanno portato alla sovraesposizione del foglietto di cui sopra, il cammino per il centrodestra ora si faccia parecchio complicato. Se da un lato c’è da rendere merito al coraggio della Meloni, dall’altro c’è la consapevolezza che la maggioranza non sia solida e, quindi, non così vicina come si potrebbe pensare a formare un governo agilmente.

Alberto Celletti

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Berlusca non si rende conto di essere l’ultima ruota del carro. Non accetta che Giorgia abbia vinto le elezioni, lui che era abituato a veder scomparire nulla quelli che si staccavano da lui. Che vada pure alle elezioni, sarà lui a scomparire e Giorgia a trionfare. Ma che si sbrighi, Il partito di Giorgia al 40% non è utopia.

Commenta