Il Primato Nazionale mensile in edicola

Washington, 15 nov – Joe Biden “ha vinto perché le elezioni sono state truccate”. Donald Trump per la prima volta, pur rinnovando le accuse di brogli, su Twitter accenna alla vittoria del suo rivale dem alle elezioni Usa 2020, senza però nominarlo. “Lui – twitta il presidente Usa – ha vinto solo per i Fake News Media. Io non concedo NIENTE! C’è ancora tanta strada da fare, queste elezioni sono state truccate”.

Il presidente denuncia ancora brogli

“Non sono stati ammessi osservatori”, ribadisce Trump, secondo il quale la notte elettorale ci sono stati “‘problemi tecnici'” causati dai democratici che “cercavano di rubare i voti. Ci sono riusciti in abbondanza, tuttavia, senza essere beccati. Le elezioni per posta sono una barzelletta nauseante. Le elezioni con il voto per posta sono una buffonata assurda”. Il presidente ha puntato il dito in particolare contro il nuovo conteggi dei voti in Georgia: “Il loro riconteggio è uno scandalo, non significa niente”. “Vinceremo noi!”, ribadisce in un altro messaggio. “Nessun osservatore o rappresentante di lista ha avuto accesso allo scrutinio, le schede sono state disegnate da una compagnia privata di proprietà della sinistra radicale, Dominion, con una pessima reputazione e attrezzature scadenti che non sono state ritenute all’altezza in Texas, dove ho vinto di molto!”, insiste Trump.

Ieri scontri con gli antifa alla marcia “Maga”

Come al solito, Twitter – che durante la campagna per le presidenziali ha boicottato il presidente schierandosi con Biden – ha immediatamente censurato i messaggi di Trump: “Queste affermazioni sulle frodi elettorali sono controverse“,  si legge nell’avviso della piattaforma in calce ai tweet presidenziali. Intanto ieri si è svolta a Washington una manifestazione dei sostenitori di Trump e non sono mancati momenti di tensione, con scontri tra gli antifascisti e il popolo sceso in piazza contro i presunti brogli elettorali al centro di diverse indagini. “La feccia della sinistra radicale antifa è stata facilmente respinta oggi dalla grande folla della manifestazione Maga (“Make America great again”, ndr) ed è successivamente tornata nella notte, dopo che il 99 per cento dei dimostranti erano andati via, con l’obiettivo di attaccare anziani e famiglie”, è l’accusa di Trump.

Adolfo Spezzaferro

La tua mail per essere sempre aggiornato

7 Commenti

  1. E’ totalmente fuori, manco i suoi avvocati ben pagati vogliono più avere a che fare con lui.
    Staccategli la spina !!!

Commenta