Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 23 ma – E’ risultato positivo al coronavirus l’ex re di Hollywood Harvey Weinstein, il produttore cinematografico condannato a 23 anni di carcere per violenza sessuale di primo grado e di stupro di terzo grado. Weinstein, che giovedì scorso ha compiuto 68 anni, si trova ora in isolamento presso il Wende Correctional Facility, vicino a Buffalo, dove era stato trasferito in via definitiva per scontare la propria pena.

Secondo la stampa americana l’ex produttore stesso si era premurato di avvertire la direzione di Wende subito dopo essere stato trasferito dalla prigione di Rikers Island, dove si trovava in precedenza; proprio lì alcune decine di detenuti erano risultate positive al Covid-19. Da qui la decisione del personale carcerario di sottoporre Weinstein al tampone, che si è poi rivelato positivo. Weinstein è malato di cuore e prima del trasferimento da New York era stato sottoposto alla procedura di inserimento di uno stent cardiaco.

Nelle carceri di New York situazione critica

Sale a 38 il numero dei detenuti infetti con sintomatologia all’interno di Rikers, mentre la metà dei reclusi nel complesso sono risultati positivi. Una situazione esplosiva, a tal punto che il consiglio di amministrazione che sovrintende le carceri di New York ha richiesto un indulto per i detenuti con le pene più lievi – oltre 2000 persone – per contenere la trasmissione dell’infezione. Il rilascio riguarderebbe soprattutto i detenuti sopra i 50 anni e in condizioni di salute precarie o sofferenti di malattie polmonari o cardiache. Ad ora il primo cittadino della Grande Mela Bill de Blasio ha accettato di liberare 23 persone e di prendere in esame in casi di altri 200 carcerati. I casi positivi riguardano anche due dozzine di ufficiali e personale infetto rilevato in strutture di California, Michigan e Pennsylvania; ogni giorni si ha notizia di nuove infezioni.

La Hollywood positiva

Weinstein non è l’unica celebrità hollywoodiana ad avere contratto la malattia. I primi a risultare positivi al test sono stati Tom Hanks e la moglie, mentre si trovavano in Australia per la lavorazione di un film. Le loro condizioni non sarebbero gravi. Pochi giorni fa è stato il turno di Indira Varma, attrice star di Game of Thrones e di Rome, che ha informato i suoi fan circa le sue condizioni in un post su Instagram. La diagnosi è arrivata a due giorni dall’annuncio della positività di un altro collega della serie, Kristofer Hivju. Positivo anche l’attore afro-britannico Idris Elba, e Itziar Ituño, la celebre Lisbona de La Casa di Carta; entrambi hanno fatto sapere via social di essere stati contagiati ma che la sintomatologia sarebbe lieve.

Cristina Gauri

Commenta