L’università è fatta di feste, eventi, amici, ma soprattutto di nottate passate sui libri a studiare e ore in biblioteca. Se non volete rinunciare allo stile durante i corsi, sappiate che studiare con le lenti a contatto è possibile, anche se ci sono alcuni aspetti da prendere in considerazione per prendersi cura dei propri occhi tra lunghe nottate sui libri e giornate in aula.

È importante studiare in un luogo adatto, come una biblioteca o sala studio, abbastanza luminoso o dotato di una lampada solo per voi. La luce delle lampade da studio deve essere bianca, meglio se posizionata al lato opposto della mano che si usa per scrivere. Anche la postura è importante per garantire una buona circolazione sanguigna, che influenza molto anche gli occhi: niente gambe accavallate, niente schiena curva e piedi ben piantati al pavimento sono i punti chiave da ricordare, non solo in biblioteca, ma anche a lezione.

Per quanto riguarda il tipo di lenti a contatto da scegliere, quelle in silicone idrogel sono di sicuro quelle che possono essere indossate per più tempo, dall’università alle feste, senza causarvi effetti collaterali indesiderati. Infatti, grazie alla loro ottima permeabilità all’ossigeno, permettono una migliore idratazione e riducono i disagi.

Ricordatevi che le lenti morbide possono essere indossate per un massimo di otto ore al giorno, anche se con intervalli, mentre quelle permeabili fino a massimo dieci ore. Oltre questo tempo è meglio ricorrere ad un paio di occhiali, che possono essere comunque molto alla moda. Potrete sempre ricorrere agli occhiali durante le ore di studio, così da poter mettere le lenti a contatto durante i festeggiamenti serali o notturni, senza rischi.

Anche un buon collirio potrebbe rivelarsi un alleato prezioso, soprattutto se si tende ad usare molto il computer o dopo aver fatto le ore piccole: un paio di gocce alla mattina prima di uscire di casa rinfrescheranno ed idrateranno i vostri occhi, rendendoli pronti ad un’altra maratona sui libri. Così come per l’acquisto di lenti a contatto online, comprare il collirio via Internet non è più un problema, visto che la maggioranza dei siti contiene tutte le informazioni necessarie per una spesa oculata e soprattutto sicura.

Tra un aperitivo e una lezione, è importante mantenere le lenti sempre nello stato ottimale, grazie ad una manutenzione ad hoc. Le quattro fasi da rispettare sempre sono: pulizia, disinfezione, risciacquo e idratazione, per evitare fastidi.

Davanti al computer, è importante ricordarsi di usare lacrime artificiali, da comprare con le lenti a contatto, per mantenere l’occhio idratato, e preferire sfondi grigi e non bianchi. Anche uno schermo sporco potrebbe affaticare la vista, anche se sembra una piccolezza: la messa a fuoco risulta infatti molto più faticosa, in presenza di macchie! Un’altra cosa davvero molto utile è la modalità notturna: in molti computer è possibile impostarla per eliminare la luce blu, quella che più di tutte rovina la vista e affatica gli occhi. I colori risulteranno leggermente modificati, ma è perfetta per le classi in orario serale e per le nottate passate a rileggere.

Dobbiamo sempre ricordare che i nostri occhi sono i migliori alleati su cui possiamo contare, che ci permettono di vedere il mondo e tutte le sue meraviglie, e che come tali devono essere trattati. Fare piccole pause, in cui non si fissa alcuno schermo, è un consiglio da non dimenticare mai, visto che serve non solo per la vista, ma anche per sgranchirsi le gambe e aumentare la produttività. Buono studio!

 

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here