youfeed-obbligo-di-assicurazione-per-i-droni-dal-30-aprile-2014Roma, 1 Mag. – E’ entrato in vigore il 30 Aprile il nuovo Regolamento, emesso dall’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (ENAC), sugli aeromobili a pilotaggio remoto (i cosiddetti APR).

 

Si aprono dunque i “cieli civili” per questi aeromobili che stanno prendendo sempre più piede nella vita di tutti i giorni.

I droni vengono infatti sempre più impiegati ambito civile come, ad esempio ,nelle riprese cinematografiche, nel monitoraggio di territoriale ed ambientale, di aree urbane o forestali, per scopi di protezione civile, controllo del dissesto idrogeologico. Numerosi anche gli impieghi per le attività istituzionali (come per le forze di polizia) e nel settore della ricerca scientifica e tecnologica.

droni_2Si stima infatti che i cosiddetti droni siano, senza contare quelli di applicazione militare, già più di 500 in tutto il territorio nazionale mentre sono più di 300 le ditte attualmente operanti nel settore.

Sicuramente maggiori informazioni emergeranno il 24 e 25 maggio durante il “Roma Drone Expo&Show“, il primo “salone aeronautico” sui droni in Italia. In quell’occasione, infatti, l’ENAC incontrerà ufficialmente tutta la “drone community” italiana per un primo confronto approfondito dopo l’entrata in vigore del Regolamento.

Al momento si sa che il nuovo regolamento prevede che il pilota sia maggiorenne ed in possesso di un patentino conseguito dopo un corso di addestramento e che il velivolo dovrà essere assicurato.

Non mancano certo le polemiche tra gli addetti al settore, ma quel che è certo è che questo tipo di tecnologia, che molti immaginano limitata a grosse e complesse macchine militari, stanno entrando nella nostra vita.

Cesare Dragandana

 

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here