Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 12 dic – Iva Zanicchi non ha peli sulla lingua e a quanto pare si voleva liberare anche di qualche sassolino dalla scarpa con due obiettivi particolari: Carola Rackete e Greta Thunberg.

L’urlo dell’aquila di Ligonchio

Nello studio della trasmissione La Repubblica delle Donne di Pietro Chiambretti. Il conduttore le chiede di dare dei voti ai personaggi famosi: “Vorrei mandare Carola Rackete a fare in c…, ma questa è una trasmissione seria e non posso farlo…”. E poi l’aquila di Ligonchio approfondisce: “Vorrei dare un voto a Carola Rackete, ha 31 anni. E’ una ragazza tedesca intelligentissima, viene da una famiglia molto ricca….” il tono è evidentemente ironico. “E’ laureata, parla 5 lingue, governa una nave da sola. Meriterebbe 10, 10 e lode… Ha salvato 50 migranti su un barcone che era vicino alle coste libico” e poi la stoccata: “Merita un applauso per averli presi a bordo. Questa Carola, che è tedesca, poteva portarli in Germania. La nave batteva bandiera olandese, poteva portarli in Olanda… Li ha portati in Italia, c’era il divieto del nostro governo. E’ arrivata vicino al porto di Lampedusa, ha finto di rallentare e ha accelerato, speronando un’imbarcazione della Guardia di Finanza. Carola non poteva chiamare il governo olandese per chiedere al governo italiano di attraccare?”, prosegue, sempre con l’acido in gola.

Poi è il turno di Greta

Ma Iva non si risparmia nemmeno con la Thunberg, paladina dei Gretini fingendo di volerla difendere dall’ombra di Carola: “Questa donna, che si sente paladina e vuole salvare l’umanità mettendosi su uno scranno, sta rubando la scena alla povera Greta Thunberg… Dice che non dovremmo prendere l’aereo… Non dovremmo comprare vestiti, prendere un paio di scarpe all’anno… Non dovremmo mangiare carne o pesce… Dovremmo mangiare solo crauti?” poi arriva al voto: “Un bel 4…”.

Ilaria Paoletti

4 Commenti

Commenta