Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 4 mar – L‘attrice romana Nancy Brilli ha raccontato la sua storia d’amore a Francesca Fialdini nel corso della trasmissione A ruota libera su Rai Due: “Un amore così, fatto di amore e odio, di tormento e passione, ti maciulla, ti divora“.

“Lo so, non si fa, ma è successo”

La Brilli è rimasta legata al cantautore genovese Fossati dal 1991 al 1994 e la stessa attrice definisce la relazione un “amore malato”: “Eravamo diventati brutti e cattivi l’uno con l’altra, pur amandoci tantissimo. Dovevamo provocarci a tutti i costi, sempre. Era un amore molto passionale e tormentato, che ti maciulla. Uno di quegli amori che vorresti rivivere ma che vorresti anche che finisse”. E’ stata la conduttrice a ricordare un brutto episodio di violenza che ha  contrassegnato la relazione tra l’attrice e Fossati.  “Ci provocavamo spesso” confessa la Brilli. “Un giorno stavamo discutendo, c’è stata una spinta, poi uno schiaffo, le urla e io gli ho dato un calcio con gli anfibi. L’ho fatto con forza e gli ho fatto male, gli ho rotto una gamba. Non si fa, lo so, ma è successo“. Fossati dovette andare al pronto soccorso e ciò provocò direttamente la fine della relazione: “Mi chiamò perché vide delle mie fotografie, era nato mio figlio” ricorda la Brilli “e mi disse: ‘finalmente hai quello che volevi, noi non potremmo mai essere amici‘ e questo è stato”.

Pensate un’ammissione a “generi invertiti”

Di amori passionali il mondo degli artisti (e non solo) è pieno, tuttavia viene da chiedersi come avrebbero reagito certi giornalisti e certe pasionarie del Me Too se l’ammissione fosse arrivata “a generi invertiti”, ovvero se Fossati avesse candidamente ammesso in tv, in un salotto domenicale, di aver spaccato la gamba alla sua ex fidanzata mandandola al pronto soccorso. Siamo certi che la Brilli abbia agito senza premeditazione e che se ne sia pentita un secondo dopo; se fosse stata un uomo non avrebbe mai più fatto menzione dell’accaduto – tanto meno sulla tv pubblica la domenica pomeriggio – in un Paese in cui ormai anche solo menzionare un “passo indietro” di una donna scatena polemiche femministe per settimane intere.

Ilaria Paoletti

1 commento

  1. “viene da chiedersi come avrebbero reagito certi giornalisti e certe pasionarie del Me Too se l’ammissione fosse arrivata “a generi invertiti”, ovvero se Fossati avesse candidamente ammesso in tv, in un salotto domenicale, di aver spaccato la gamba alla sua ex fidanzata mandandola al pronto soccorso.”

    Ma anche se avesse solo ammesso di averle dato uno schiaffo, la sua reputazione ne avrebbe risentito moltissimo, e il programma che l’aveva ospitato sarebbe stato costretto a mandare in onda un sermone sulla violenza contro le donne.

Commenta