Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 16 giu – Sarà forse per quella parlata strascicata tipica della sinistra romana, con quella mezza zeppola, quelle vocali lunghe e le doppie che diventano triple (per capire di cosa stiamo parlando andatevi a vedere una intervista random di Marco Damilano). Se poi ci aggiungi l’elenco “non portate un daato, non fate una sscheeda”, tale e quale al celebre “ravaneelli, pissellii”, ecco lì che la trasformazione di Christian Raimo in Ruggero, il figlio hippie di Mario Brega in “Un sacco bello“, è servita. Nicola Porro, romano formatosi in una scuola superiore del quartiere Eur, non poteva non cogliere la citazione involontaria. E così durante la scoppietante puntata di Quarta Repubblica andata in onda ieri sera, il conduttore si è concesso anche il lusso di perculare con garbo l’intellettuale di riferimento dei centri sociali.

Raimo non coglie l’ironia di Porro

“Sembra l’attore di Verdone, è stupendo”, dice Porro ridacchiando e interrompendo uno sfogo di Raimo. L’assessore alla Cultura del III Municipio di Roma contestava l’impostazione della trasmissione: “Se dovete fare una trasmissione sul razzismo invitate persone che hanno scritto di questa roba! Cioè non è possibile…non portate un dato, non fate una scheda. Cioè le trasmissione preparatele santo Dio!”. Segue la battuta di Porro, che sbeffeggia ulteriormente Raimo: “Io sono affascinato. Ma ti do la parola perché secondo me è meglio che farti le domande, che sono sciocche. Vai avanti”.

Via col Vento come i film di Manfredi…

Raimo non raccoglie (o non capisce) la battuta di Porro e prosegue come nulla fosse, attaccando il pistolotto sulla questione dell’inopportunità di trasmettere Via col vento in questi giorni. “E’ stato detto semplicemente non lo mettiamo adesso in programmazione e lo rimettiamo tra un mese. E’ come se questa sera su Canale 5 proiettassi tutti i giorni i film di Nino Manfredi mentre è il compleanno di Alberto Sordi, sarei un cretino”. L’improbabile parallelismo proposto da Raimo lascia attoniti i presenti. A chiudere il siparietto ci pensa Porro, che ricorda a Raimo, tra le altre cose, che si trovano su Rete Quattro e non su Canale 5.

Davide Di Stefano

2 Commenti

  1. Non ho veduto la trasmissione di Porro, cosa che non faccio mai, anche perché c’è una cospicua differenza tra quello che afferma quando, quotidianamente, produce la sua ” zuppa “, e quello che viene obbligato a divulgare durante la trasmissione sulla rete di Berlusconi. Detto ciò, vi ringrazio, è stato veramente uno spasso sentirlo parlare esattamente come il Verdone hippie, Porro ha ragione, uno così lo devi lasciar parlare, quanto meno ti poi fare delle risate.

  2. Chi ha venduto a 3 $ il film in questi giorni
    ringrazia i FESSI di HBO ….. che , avendolo rimosso , non hanno diritto ad ,1¢ !