Roma, 8 mar – Non c’è che dire, Vauro è veramente un signore. Composto e per nulla maleducato durante i dibattiti televisivi, di umorismo fine e mai volgare quando disegna le sue vignette. Così nel, dibattito su Magistratura Democratica andato in onda a Quarta Repubblica e che aveva lui e Meluzzi come protagonisti, si è esibito in una serie di gestacci, improperi, versi, il tutto nel tentativo – alquanto puerile – di impedire al criminologo di esprimere la propria opinione. Il vignettista ha dato quindi sfoggio di argomentazioni e padronanza linguistica senza pari. Insomma, il copione è sempre il medesimo: accusano l’opponente politico di “seminare odio” e poi fanno peggio.

Cristina Gauri

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here