Washington, 1° feb – Ci sono gaffe che difficilmente ti perdonano. Specialmente se riguardano l’Olocausto, e Whoopi Goldberg ci è cascata con tutte le scarpe. Durante la nota trasmissione tutta al femminile The View, in onda sull’Abc, l’attrice ha infatti affermato che la Shoah non avrebbe nulla a che fare con la «questione razziale». Il motivo? «L’Olocausto non riguarda la razza, si tratta della disumanità dell’uomo nei confronti di un altro uomo», ha detto Whoopi Goldberg. Che poi spiega: «Non si tratta di razza perché [tedeschi ed ebrei] sono due gruppi di persone bianche». In pratica, il razzismo esiste solo quando ci sono di mezzo persone nere (ovviamente nel ruolo di vittime, mai di carnefici).

Whoopi Goldberg e l’Olocausto

Com’era facile immaginarsi, le critiche sono arrivate copiose. Tant’è che Whoopi Goldberg si è vista costretta a scusarsi per la sua singolare visione della Shoah: «Nello show di oggi, ho detto che l’Olocausto “non riguarda la razza, ma la disumanità dell’uomo nei confronti dell’uomo”. Avrei dovuto dire che riguarda entrambi», ha scritto l’attrice sul suo profilo Twitter. «Il popolo ebraico – ha proseguito – ha sempre avuto il mio sostegno, che non verrà mai meno. Mi dispiace per il dolore che ho causato».

Leggi anche: Whoopi Goldberg contro #metoo: «Donne che usano la propria sessualità per ottenere ruoli nei film»

«La razza si deve vedere»

Ma qual è stato il ragionamento che l’ha portata a questa gaffe? Whoopi Goldberg lo spiega così: «Essendo nera, quando si parla di razza, per me è una cosa molto diversa. Così ho detto che pensavo che l’Olocausto non riguardasse la razza. E questo ha fatto arrabbiare molte persone. Ma ho pensato che fosse una questione importante perché, in quanto nera, penso alla razza come a qualcosa che posso vedere», ha dichiarato l’attrice durante The Late Show with Stephen Colbert, programma in onda sulla Cbs. In pratica, «se arriva il Ku Klux Klan e sto insieme a un amico ebreo, io scappo. Lui invece può anche non farlo, perché è bianco e non possono sapere che è ebreo». Una vera a gara a chi è più oppresso. Peccato solo che in questa competizione non ci siano mai vincitori: solo perdenti.

Elena Sempione

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. la povera Woopy come si chiama, ignora che il KKK ( oltre i Neri) odiava e odia sommamente anche gli Ebrei ( anche i Cattolici se è solo per questo). Ignora inoltre che l’Olocausto è stata una questione di razza, poichè grazie e sienziati, medici, antropologi fisici , filosofi, giuristi gli Ebrei sono stati dichiarati, considerati e trattati come razza inferiore rispetto agli Ariani. Questo è stato l’Olocausto cara attricetta semi-fallita. Altro che non è questione di razza.

  2. x MFG: dietro certi conflitti si nasconde il Dio Mammona (materialismo sfrenato), altro che razza, classi, sesso… differenziazioni cavalcate strumentalmente. Non a caso, avvengono in regime di degenerazioni conflittuali.

Commenta