Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 7 feb – “Da quando sono tornato in Italia non ho rotto le scatole a nessuno, mi alleno seriamente, non tralascio nulla, mi adatto alle esigenze dell’allenatore e dei compagni, anche se a volte mi sembra di fare il centrocampista”. E’ quanto dichiarato da Mario Balotelli che in un’intervista rilasciata ieri al Corriere dello Sport ha provato così, forse per la prima volta in vita sua, a presentarsi come un giocatore di calcio attento a non cadere nelle “balotellate”.

Balotelli, quel bravo ragazzo

Nell’incensare la sua nuova impeccabile attitudine, che a suo dire sembra rasentare l’eccellenza in professionalità, Balotelli probabilmente ha dimenticato una serie di “incidenti” di percorso che lo hanno visto protagonista nel campionato di Serie A in corso. Dai cartellini rossi rossi rimediati per aver mandato a quel paese gli arbitri, alle solite sceneggiate in campo, passando per i litigi con allenatori e compagni di squadra che gli sono costati pure la cacciata da un allenamento. Se a questi aggiungiamo il solito mediocre rendimento, al di sotto delle aspettative dei suoi cocciuti apologeti e piuttosto in linea con quanto si attendevano tutti gli altri meno propensi a credere in un suo cambio di rotta, quanto dichiarato dall’attaccante del Brescia non sembra molto convincente.

La solita frignata

D’altronde, dopo essersi autoincensato, Balotelli ha visto bene di non tradire la sua vecchia tendenza alla contestazione immotivata: “L’espulsione che ho rimediato col Cagliari è stata un rosso del c… Mi è scappato un vaffa e l’arbitro mi ha cacciato. Ma se fossero puniti tutti i vaffa che si sentono in campo le partite le partite finirebbero con due giocatori per squadra”. Una frignata ci voleva, visto mai che qualcuno sul serio abbocchi all’amo del bravo ragazzo. Balotelli comunque ha pure nuovamente detto la sua sul razzismo, salvando però chi lancia cori da solo: “Se presi singolarmente quelli che fanno buu allo stadio non sono razzisti ma quei cori fanno male“.

Alessandro Della Guglia

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

Commenta