Il Primato Nazionale mensile in edicola

Milano, 27 apr -Zlatan Ibrahimovic è sotto accusa da parte degli animalisti che hanno dedicato proprio a lui uno striscione apparso fuori dal Meazza.

Ibrahimovic vs animalisti, poster al Meazza

Gli attivisti del movimento “Centopercentoanimalisti” hanno affisso davanti al Meazza un poster, nel quale è immortalato anche Roberto Baggio, dove Ibrahimovic è seduto su un campo da calcio circondato dai simboli di scudetto, coppa Italia ed Europa League cancellati e dallo slogan: “Gli angeli ammazzati non portano mai fortuna, lo sport non cancella l’odore”.

“Assassino vile”

“Noi abbiamo sempre sostenuto che le cattive azioni tornano indietro. Andare a caccia e uccidere animali indifesi, tanto per citare un esempio. Riteniamo Ibrahimovic, come tutti i cacciatori, una persona negativa” si legge nel comunicato degli animalisti.” Tutti ormai sanno come impieghi una parte dei suoi guadagni per andare in giro per il mondo ad ammazzare animali, assieme alla moglie. E già questo basterebbe. Recentemente è emersa la sua ennesima prodezza, aver assassinato vilmente un leone”.

La cattura del leone

Il riferimento è a una notizia emersa qualche settimana fa relativa da un controverso trofeo di caccia dell’attaccante rossonero, che avrebbe ucciso un leone per portarne i resti in Svezia. I fatti risalirebbero al 2011 e la preda sarebbe stata catturata in Sudafrica. La fonte di questa notizia, riportata anche da La Stampa, è il sito Expressen secondo il quale Ibra avrebbe portato il cranio, la mascella e la pelle del leone nella sua abitazione a Malmö.

Gli animalisti irridono le “sconfitte” di Ibra

“Ma anche in campo sportivo c’è da dire: quest’anno la sua squadra va piuttosto male, scudetto, coppa Italia, Europa League, obiettivi alla portata del grande Milan, completamente falliti, in forse anche la qualificazione in Champions League”, hanno proseguito gli animalisti. E ancora, riprendendo gli ultimi guai extra campo di Ibra: “Ora è sotto inchiesta e rischia ben tre anni di squalifica, per aver violato le regole Fifa riguardo alle scommesse”, continuano gli animalisti, sottintendendo che la caccia porti anche sfiga ad Ibrahimovic. “Neella sua immensa presunzione, pensa di poter fare quello che vuole” accusano ancora gli animalisti. Beh, su questo non hanno torto: Ibra ha sicuramente un’opinione di sé molto grande.

Ilaria Paoletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. hanno fatto bene un assassino come tanti come troppi! magari ha messo mi paice pure a mladic o izebegovicth e tutte i nazicriminali della guerra della Jugoslavia

Commenta