Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 6 mar – La classica delle Strade Bianche è una corsa dalla storia recente, eppure piace tantissimo ai corridori specialisti delle classiche e una vittoria viene considerata prestigiosa. Basti vedere l’albo d’oro che vede, tra gli altri, gente come Cancellara e Gilbert. Lo stesso Julien Alaphilippe, campione del mondo in carica, ha affermato – forse inconsciamente e con leggerezza – che la Strade Bianche andrebbe inserita nelle classiche monumento. Un po’ eccessiva come dichiarazione, ma rende l’idea del fascino che la corsa esprime.



Strade bianche: la “classica monumento” italiana

Venendo alla cronaca della giornata di oggi, il percorso vede la partenza e l’arrivo a Siena, in Piazza del Campo, una cornice fantastica resa più triste dalla mancanza del pubblico delle grandi occasioni. Il percorso negli ultimi 70 chilometri è denso di settori appunto delle caratteristiche strade bianche, anche su strappi micidiali con pendenze da capogiro. L’ultimo di diverse centinaia di metri per giungere nel centro del capoluogo.

Black Brain

Dopo la consueta fuga iniziale, le squadre dei favoriti si organizzano. Alla fine a giocarsela sono proprio coloro che godevano dei favori del pronostico: Van der Poel, Van Aert, Alaphilippe, Bernal, Pogačar ed i sorprendenti Gogl e Pidcock (ad aiutare il capitano della Ineos), ritrovatosi dopo un anno assai difficile. Sull’ultimo tratto di sterrato di Le Tolfe attacca Van der Poel e l’unico a resistere a proprio il campione del mondo francese.

Van der Poel brucia Alaphilippe e Bernal

Successivamente rientra Bernal, mentre Van Aert, vincitore della Strade Bianche 2020, già in difficoltà sui precedenti tratti, cede e non rientrerà più. I tre di testa arrivano all’ultimo chilometro studiandosi, alla fine il più fresco è determinato è Van der Poel che brucia Alaphilippe e Bernal, aggiundicandosi la classica italiana. Van Aert arriva ai piedi del podio. I nostri portacolori purtroppo non pervenuti, dimostrando ancora una volta la fase transitoria che vive il nostro movimento.

Ordine d’arrivo Strade Bianche 2021
1. Mathieu Van der Poel
2. Julian Alaphilippe
3. Egan Bernal
4. Wout Van Aert
5. Thomas Pidcock
6. Michael Gogl
7. Tadej Pogačar
8. Simon Clarke
9. Jakob Fuglsang
10. Pello Bilbao

Manuel Radaelli

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta