Il Primato Nazionale mensile in edicola

boudjellalTolone, 31 mar – Dopo la vicenda che ha coinvolto in Italia gli All Reds e i Corsari il connubio tra rugby e discriminazione politica torna in primo piano, questa volta oltralpe. Protagonista è Mourad Boudjellal, franco-algerino editore di successo e presidente del Rugby Club Toulon, squadra campione d’Europa in carica. L’eclettico e irrequieto Boudjellal aveva annunciato nei mesi scorsi di aver programmato un incontro amichevole, da disputarsi a luglio, contro l’As Beziers Herault, storico club francese vincitore di undici titoli nazionali ma attualmente relegato nel campionato di seconda divisione.

E’ notizia di ieri che l’amichevole è stata annullata per volontà del presidente del Tolone; motivo: le elezioni amministrative a Beziers sono state vinte da Robert Ménard, candidato sostenuto, fra gli altri, anche dal Front National. Che Boudjellal non nutrisse simpatie per il partito guidato da Marine Le Pen non è certo una novità, ma revocare un incontro amichevole di rugby per dimostrare pubblicamente il proprio dissenso nei confronti di uno schieramento politico appare una mossa quantomeno esagerata oltre che sospetta. In molti, infatti, sono portati a pensare che l’annuncio dell’incontro con un club prestigioso qual è il Tolone, nelle intenzioni di Boudjellal avrebbe dovuto spingere i cittadini di Beziers a non votare per il candidato del Fn. Una mossa elettorale, dunque, più che una mano tesa verso una nobile decaduta del rugby francese.

Peraltro va segnalato che proprio Tolone sia stata, a suo tempo, apripista della conquista frontista delle città: nel 1995, infatti, Jean-Marie Le Chevallier divenne il primo sindaco lepenista di una città importante.

Indipendentemente dalle motivazioni reali resta il fatto che il presidente del Toulon, da abile editore e conoscitore del mondo imprenditoriale, trova sempre il modo di conquistare la ribalta mediatica. Pochi giorni fa, ad esempio, era giunto a indirizzare una lettera al Presidente della Repubblica per protestare contro una sospensione di due settimane comminata al suo tecnico, Bernard Laporte, a causa di alcune dichiarazioni rese contro l’arbitro Cardona. Una lettera nella quale Boudjellal si appellava a Hollande evocando, addirittura, la difesa del pensiero individuale, con riferimenti espliciti all’esempio di Jean Jaures, il politico e filosofo francese assassinato alla vigilia del primo conflitto mondiale.

Francesco Pezzuto

Commenta