Calcio, Sacchi insiste: “Alle squadre serve una base autoctona”

sacchiRoma, 19 mag – Arrigo Sacchi non si arrende. Le sue dichiarazioni sulla “vergogna” del triplete interista senza italiani in squadra hanno fatto discutere, ma l’ex allenatore di Milan, parma e Nazionale non torna sui suoi passi e alla Gazzetta dello Sport dice: “Non ho mai detto che è stata una vergogna come squadra. Ho rispetto per quel gruppo e quei giocatori. Io intendevo solo dire che quella vittoria ha dato poco o niente al nostro calcio, perché l’11 dell’Inter a Madrid era senza italiani. Perciò per il nostro movimento quel successo fu una vergogna”.

L’ex tecnico fa un paragone con la sua esperienza spagnola: “Io sono stato al Real Madrid, con i migliori giocatori al mondo, ma la stampa spagnola ci attaccava se non avevamo una base autoctona in squadra. Volevano giocassero i giovani della ‘cantera’ Lì ci tengono, qui in Italia no. Solo la Juve ragiona in un certo modo, le altre ingaggiano stranieri soprattutto per business. Ben vengano se sono bravi, ma non mi sembra sia proprio così in questo momento…”.

Ai molti che gli hanno fatto notare come senza Gullit, Rijkaard e Van Basten il suo Milan non avrebbe ottenuto i successi che ha avuto, Sacchi replica: “I tre olandesi? Non erano i migliori prima che li allenassi io. Lo sono diventati in Italia, ma la base del mio Milan erano gli italiani. Non è un caso che dal 1988 al 2000 abbiamo vinto molto di più che nel decennio successivo. E il numero di stranieri era limitato…”.

Una realtà che si riflette anche sulla Nazionale. “I nostri periodi più bui coincidono con l’utilizzo massiccio degli oriundi e l’aumento del numero degli stranieri in Serie A”.


Giuliano Lebelli

Print Friendly
Image Donation-Banner

Una risposta a Calcio, Sacchi insiste: “Alle squadre serve una base autoctona”

  1. Antonio Spinucci 12 luglio 2015 a 12:39

    Premetto che Sacchi mi sta sulle balle, ma in questo caso ha ragione!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.