Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 30 apr – Un delirio in salsa gender, alla faccia di chi continua a sostenere che non vi sia traccia di questa teoria e soprattutto della sua applicazione. L’asilo Chicco di Grano, nel quartiere Ardeatino, a Roma, ha deciso di abolire le feste della mamma e del papà proponendo una festa della famiglia considerata “inclusiva” e “non discriminatoria” nei confronti delle famiglie con genitori dello stesso sesso. Potrebbe sembrare uno scherzo di cattivo gusto, una burla insensata. E invece no, questa vera e propria discriminazione al contrario è quanto realmente accaduto in questo asilo della capitale, in seguito alle proteste di una coppia omosessuale.
Alcuni genitori, assieme all’associazione Articolo 26, hanno fatto sapere inoltre che il Municipio ha difeso la scelta della scuola “facendo intendere che le due secolari celebrazioni sono ideologiche e divisive e quindi ormai da cancellare con una più inclusiva festa delle ‘famiglie'”. L’asilo aveva inizialmente proposto feste del papà e della mamma facoltative, “ma – come riferisce l’associazione Articolo 26- ugualmente contestate dalla coppia omosessuale e poi cancellate”. Non si tratta comunque del primo caso in assoluto, già nel 2015 a Roma era accaduta la stessa identica cosa nella scuola dell’infanzia Contardo Ferrini, nel quartiere Trieste. “Come genitori, docenti e cittadini – conclude Articolo 26 – affermeremo con ogni mezzo democratico che le differenze culturali, religiose ed educative non possono essere cancellate in nome della falsa cultura della tolleranza”.
Resta comunque la decisione della scuola, nel silenzio generale della giunta comunale capitolina, che probabilmente reputa del tutto normale che si vietino tali ricorrenze. Come se sul serio madre e padre fossero astrazioni di cattivo gusto e non due figure fondamentali per la nascita e la crescita di ogni bambino.
Alessandro Della Guglia

2 Commenti

  1. ….”crollo dei 5 seghe”….se si fanno presto altre elezioni il ”grillo” dovrà saltare dalla finestra…con tutti i ”portaseghe” grillini..
    ..la stupidità avanza ….una madre allatta il figlioletto e…fa scandalizzare una signora guardia giurata.. presubilmente omosessuale…

Commenta