Bergamo, 26 apr – Gesto folle e isolato o si tratta sul serio di un jihadista? Difficile dirlo al momento, sta di fatto che nei pressi della stazione di Treviglio, in provincia di Bergamo, un marocchino di 28 anni è stato arrestato martedì per aver aggredito a cinghiate alcuni passanti. Una volta fermato dalle forze dell’ordine, l’immigrato ha ferito due agenti di polizia e affermato di appartenere all’Isis. Lo stesso marocchino, poi risultato sotto l’effetto di stupefacenti, ha tentato di aggredire una ragazza che fortunatamente è riuscita a scappare e a denunciare il fatto. La stessa sera l’uomo ha cercato di assaltare, cintura in mano, un gruppo di minorenni che hanno sporto analoga denuncia.

Come se non bastasse, sempre a Treviglio, un pregiudicato marocchino di 21 anni con il permesso di soggiorno scaduto da oltre un anno ha scippato una studentessa di 17 anni che stava rientrando a casa da scuola. Come riportato da Il Giorno, secondo una ricostruzione da parte dei militari, l’extracomunitario si trovava sullo stesso convoglio che in quel momento era fermo alla stazione di Treviglio. In un vagone c’era la studentessa: aveva in mano il telefonino. Il marocchino si è avvicinato e con violenza glielo ha strappato di mano.

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here