Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 14 mag – Silvio Berlusconi, ospite oggi di Myrta Merlino a L’aria che tira parla della sua recente operazione, degli auguri che gli ha fatto Matteo Salvini e del suo rapporto (certo non idilliaco) con il Movimento Cinque Stelle.

Berlusconi, come è noto, è reduce da un’operazione chirurgica che lo ha fermato per qualche giorno. Davanti alle telecamere di La7 racconta come abbia insistito per essere operato davanti alle perplessità dei dottori, di sentirsi in piena forma e di aver riceuvto durante la convalescenza una telefonata del vicepremier Matteo Salvini negando, tuttavia, di aver parlato di politica.

Incalzato da Myrta Merlino sulle dichiarazioni che Luigi Di Maio ha rilasciato alla stampa nei suoi propositi (“Quando parli di Governo del cambiamento non puoi fare l’occhiolino a Berlusconi. Non dico che la Lega lo stia facendo, ma qui ogni giorno si sente di contatti per tornare da Berlusconi. Berlusconi, insieme a quelli del Pd di Zingaretti che vuole aumentare gli stipendi ai parlamentari, è meglio che se ne stiano all’opposizione” aveva detto da Matera il leader del M5S) Berlusconi sorride, allarga le braccia e dichiara: “I grillini hanno stesse tattiche e dinamiche dei comunisti. E hanno ancora paura di me e di quello che posso fare. Io ho avuto un consenso di oltre il 75% e adesso, nonostante le calunnie che mi sono state gettate addosso e i quattro colpi di Stato che ci sono stati contro i miei governi, Forza Italia ha un consenso del 10, 12% e io del 25%. Di Maio ha appena tre punti più di me“.

E la Merlino passa a parlare delle prossime elezioni europee: “Lei conta di fare un miracolo a queste elezioni?“, domanda. “Io lo farò” risponde Berlusconi “Queste elezioni servono a mandare degli italiani in Europa per difendere gli interessi dell’Italia a naturalmente per cambiare l’Europa”. Poi passa a criticare l’approccio alle elezioni europee di Salvini, Giorgia Meloni e naturalmente di Luigi Di Maio: “I tre leader della Lega, Fratelli d’Italia e M5S si sono messi in lista per le elezioni, ma resteranno in Italia, rinunceranno a questa possibilità. L’unico leader che sarà là a difendere i nostri interessi, ascoltato e rispettato per le relazioni internazionali che ha instaurato in passato sono io. Per questo è importante votare Forza Italia e specificare me nelle preferenze”.

Ilaria Paoletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta