Roma, 13 apr – In Brasile il governo regala Viagra alle forze armate, come riporta Tgcom24. E l’opposizione si scatena.

Il Brasile e il viagra alle forze armate

Sono 35mila le compresse di viagra che in Brasile il governo ha comprato per le forze armate. Ad esse, si sono aggiunti anche dei farmaci contro la caduta dei capelli. A quel punto le forze di opposizione hanno chiesto lumi sulla vicenda. In particolare Elias Vaz, deputato del Partito socialista brasiliano (Psb, una formazione di centrosinistra), ha interpellato il ministero della Difesa chiedendogli apertamente giustificazioni per l’acquisto della nota pillola contro le disfunzioni erettili. Un acquisto che è avvenuto tra il 2020 e il 2021, un dato leggibile dal “Portale sulla trasparenza e dal Pannello sui prezzi” pubblicati dall’esecutivo.

“Negli ospedali manca insulina, perché si spende nel viagra?”

Vaz ha fatto leva sulle emergenze sanitarie del Paese, in particolare sotto il profilo dell’approvvigionamento degli ambulatori: “Gli ospedali in tutto il Paese devono far fronte alla mancanza di insulina per la cura dei pazienti conmalattie croniche e le forze armate ricevono migliaia di pillole di Viagra: la società esige una spiegazione”. Dubbi anche sull’investimento di circa 56 milioni di reais (al cambio, undici milioni di dollari), per salmone e tagli di manzo più costosi della carne comune, e sempre in favore dei militari. Per quanto riguarda le cure contro la calvizie, il giornale O Globo afferma che esse siano state “inseguite” tra il 2018 e il 2020, dunque durante l’ultima fase del governo di Terner, e quella iniziale dell’attuale di Bolsonaro.

Alberto Celletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta