Brescia, 13 lug – Dopo anni di imposizioni, maltrattamenti e minacce di punizioni fisiche se non avesse seguito il divieto di vivere all’occidentale, una ragazza pakistana di 18 anni è riuscita a ribellarsi e a scappare dal padre, che le avrebbe pure imposto di accettare un matrimonio combinato secondo le leggi islamiche. E’ successo a Brescia, dove la giovane avrebbe prima raccontato il suo dramma alle amiche e quindi ha riferito tutto alla Polizia e agli assistenti sociali denunciando il padre-padrone che era arrivato a chiuderla in casa. Il padre stabiliva anche quando, come e con chi potesse uscire durante il giorno e il coprifuoco serale. Insomma la casa era ormai una prigione, da cui la ragazza è riuscita a fuggire.
La Divisione anticrimine della Questura di Brescia ha deciso di allontanare la ragazza dalla famiglia e affidarla ad una struttura protetta per il rischio che venisse costretta a tornare in Pakistan. Il provvedimento è stato poi inviato alla Procura di Brescia che ora indaga sulla condotta del padre della giovane.

La vicenda ricorda il caso di Farah, la giovane studentessa pakistana, residente a Verona, che era stata attirata con l’inganno dai parenti nel Paese d’origine, segregata e costretta a interrompere la gravidanza: aspettava un figlio da un coetaneo italiano. La ragazza era stata liberata e ospitata in ambasciata a Islamabad, prima di essere riportata in un luogo sicuro in Italia.

Ad aprile, invece, era emerso il caso della morte di Sana Cheema, 25enne di origini pakistane ma cresciuta proprio a Brescia e cittadina italiana. La ragazza è morta in Pakistan il 18 aprile, prima di tornare in Italia. Secondo gli investigatori sarebbe stata strangolata dal padre, dal fratello e da uno zio perché avrebbe detto no a un matrimonio combinato con un cugino che la famiglia aveva già deciso per lei.

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

  1. Che bella Italia piddina e mattarella ,che bella integrazione, che islam moderato e rispettoso della donna……..vergognosi parassiti comunistoidi, tanti auguri a voi ed al vostro parziale presidente di una ridicola repubblica…….

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here