Roma, 15 nov – Il sesso rovina l’ecosistema. Ovviamente, si parla di sesso all’aperto, nella fattispecie sulle dune delle Canarie, dove un gruppo di ricercatori si è espresso facendo un appello: basta accoppiamenti.



Sesso ed ecosistema: cosa dicono i ricercatori

Il Daily Mail riporta il grottesco appello di un gruppo di ricercatori australiani: basta sesso sulle dune, perché rovina l’ecosistema. La prima domanda che sorge spontane è: in che modo? Anzitutto, rovinando piante e cespugli. Secondo gli scienziati, troppe persone fanno sesso all’aria aperta, deturpando il paesaggio e mettendo in pericolo i pochi esempi di piante e cespugli. Il numero di persone che adorerebbe il sesso all’aperto sarebbe intorno ai 300.

Quanto alle dune, sono considerate riserva naturale protetta da 34 anni, ovvero dal 1987: una bellezza naturale molto rinomata in Spagna. Secondo lo studio dei ricercatori sull’impatto del turismo sulle dune, i comportamenti a rischio non riguarderebbero solo il sesso ma anche le camminate e le scritte sulla sabbia. Anche il sesso però, generebbe dei problemi.

Lo studio

I ricercatori appartengono all’università di Flinders, in Australia, e le loro analisi sono state pubblicate nel report Sabbia, sole, mare (sea, in inglese) e sesso con stranieri, le 5 S. Gli scienziati affermano che le dune e le spiagge sono spazi pubblici, e che i turisti li usano troppo spesso per fare sesso. Le dichiarazioni ufficiali del loro portavoce citano: “Molti studi si sono indirizzati sulla relazione tra turismo e sesso (il cosiddetto turismo sessuale) ma pochi hanno analizzato le conseguenze di queste pratiche sull’ambiente naturale, specialmente quando gli spazi in cui si fa sesso sono aree protette”.

Alberto Celletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Certi studi dimostrano che c’è gente (nella fattispecie i ricercatori) che non ne vedono una da quando sono nati.
    Se sono nati col cesareo, neanche quella.

Commenta