Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 8 mag – A Casal Bruciato ancora non c’è pace: dopo le proteste di ieri, la manifestazione di oggi e la passerella M5S per il quartiere che, altrimenti, viene da loro puntualmente dimenticato e abbandonato, spunta addirittura un “mistero” ricordate la Lancia Station Wagon con cui ieri mattina la famosa famiglia di 14 membri di Casal Bruciato ha lasciato il quartiere in cui si è visto assegnare un alloggio popolare, per poi ritornare nel pomeriggio?



Targa dismessa nel 2004 e appartenente ad una Mazda

Questa mattina i militanti di CasaPound presenti in loco insieme ai cittadini che non hanno ancora rinunciato a protestare, hanno effettuato un controllo sulla targa dell’auto, tramite una semplice applicazione che  permette di verificare se un’automobile sia assicurata o meno. Ebbene, sorprendentemente (termine usato non senza un velo d’ironia) la targa è risultata essere dismessa dal 2004. Non solo: dai medesimi controlli si evince come tale targa, ad ogni modo, non fosse affatto corrispondente ad una Lancia Station Wagon, bensì ad una Mazda – che nessuno, però, ha mai visto transitare per Casal Bruciato.

Black Brain

Auto portata via in un baleno

Informati i Vigili urbani della peculiare circostanza, essi hanno provveduto a fare un ulteriore controllo con la loro banca dati. Dopo di ciò, la Lancia della famiglia rom è stata, in tutta fretta, caricata su un carroattrezzi e portata via. Tale premura da parte delle forze dell’ordine appare quantomeno sospetta. Sul punto è intervenuto Fabrizio Montanini, responsabile per di CasaPound per il IV Municipio che denuncia sia la situazione di illegalità perpetrata dalla famiglia rom, sia il “premuroso” intervento dei Vigili urbani: “Ecco a voi a chi regala le case il Comune di Roma. Ecco chi portano nelle nostre già degradate e abbandonate periferie” scrive Montanini dalla sua pagina Facebook. “Ecco a voi la legalità di cui tanto si riempiono la bocca! Le case popolari assegnatele a chi è in lista d’attesa da 20 anni”.

Ilaria Paoletti

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. “È più facile che un cammello passi attraverso la cruna di un ago, oppure che una tigre o un leone si mettano a mangiar foraggio, piuttosto che un qualche zigagnone si smentisca!”

  2. Ancora non comprendiamo chi protegge questa fecciaglia umanoide dichiarando che queste belve vivono nella legalità…………rubano, bruciano e mettono al mondo figli che poi trattano come bestie,crescendoli nel degrado e nella sporcizia………di quale legalità parla quel personaggio inadeguato della sindaca di Roma……..???? Penosa.

Commenta