Roma, 17 set — Un ciclista della domenica infastidisce un conducente di automobile con una manovra azzardata prima, e aggrappandosi allo specchietto retrovisore del veicolo poi, ma trova «quello sbagliato»: perché l’automobilista reagisce, lo trattiene dal finestrino e gli scarica una gragnuola di pugni in faccia.

Per il ciclista finisce male

E’ quanto mostrato nel video, diventato virale nelle scorse ore, postato su YouTube dal ciclista stesso. Secondo quanto riportato dal Mirror, il protagonista-vittima è Ady Short, che pratica ciclismo amatoriale insieme alla moglie in quel di Swindon, in Gran Bretagna. Il diverbio nasce per la più classica delle cause: la contesa dello spazio stradale tra  biciclettari — questi ultimi, va detto, si sentono spesso un po’ i «padroni della strada» per cui non varrebbero le comuni regole di transito stradale — e gli automobilisti. Che di solito sbuffano imprecando contro la spericolatezza dei primi, ma finisce lì.

Stavolta è andata diversamente. Il conducente di una Nissan nera si è infuriato perché il gruppo di ciclisti — composto da sette persone — stava guidando incolonnata a due a due, cosa legale nel Regno Unito ma decisamente difficoltosa per chi guida i mezzi. Il codice della strada stabilisce infatti che chi guida una bici dovrebbe «procedere in fila indiana su strade strette o trafficate e quando si percorrono curve». Come in questo caso.

«Ci ha seguito per circa 90 secondi, ci ha sorpassato e ha frenato forte davanti al gruppo facendoci sterzare intorno a lui — spiega il ciclista al Mirror — ma mentre gli giravamo intorno è partito di nuovo causandoci ulteriori problemi. Era molto arrabbiato, ma prima che potessi spiegarmi ha iniziato a colpirmi». La macchina ha tamponato anche la bicicletta della moglie, su cui era montata la telecamera.

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta