Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 27 dic – Donatella Rettore, a ruota libera per Rolling Stone Italia, parla di politica, di spettacolo e del “movimento” #metoo in Italia. Come è d’uso per “Miss Rettore” non le manda a dire e, interrogata sulla questione delle molestie sessuali a Hollywood, la cantante veneta risponde: “Quella è una cagata eh! Perché, se tu lo dici 40 anni dopo, mi fai ridere. Dillo subito.” Seppur autodichiaratasi “femminista” nella medesima intervista, le sue opinioni piuttosto tranchant su tale “movimento” non finiscono qui: “Lo devi dire subito, non 20 anni dopo per accodarti a un movimento e avere visibilità. È una porcata.”



Quando le domande scendono nel dettaglio e viene tirata in mezzo Asia Argento, la Rettore ha per l’attrice figlia del re del brivido un piccolo moto di “compassione”: “Questo Jimmy Bennett che dice di essere stato violentato da lei a 17 anni mi fa ridere. A 16 anni, in America guidano. Forse gli dispiaceva di essere stato mollato. Ma povera Asia Argento”. Queste dichiarazioni “ostili” sulle donne protagoniste dell’ondata di denunce delle presunte molestie sessuali subite da registi, produttori e artisti maschi di Hollywood (e non solo) fanno eco a quelle di Gianmarco Tognazzi, figlio del grande Ugo.

Black Brain

“Oggi mio padre l’avrebbero messo di sicuro in galera” ha dichiarato l’attore ai microfoni della trasmissione radiofonica “La Zanzara. “Una volta riuscì a fare sesso con un’attrice sul set di un film, tra un cambio di scena e l’altro. Oggi l’avrebbero arrestato, ma non per un fatto di maggiorenni o minorenni. Però erano tempi diversi”. E aggiunge: “Il #metoo porta avanti anche cose buone ma è pure fondamentalista, ormai non c’è più confine tra avance e molestia”. A quanto pare, in Italia, la moda dell’isterico “neopuritanesimo” mascherato per lotta femminista sta già scemando.

Ilaria Paoletti

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Ha ragione la Rettore, infatti la stessa cantante famosa a fine anni 70′ e primi 80′, era sconosciuta ai più negli anni 90′ o almeno quelli che nei 90′ erano ragazzi, ma non ha mai fatto sceneggiate alla Argento per riapparire sui media.

Commenta