Roma, 24 lug – Nuova idea al centro di Roma: piantare viti. La firma è della giunta capitolina a 5 Stelle, precisamente dell’assessore all’ambiente Pinuccia Montanari. Ricordate le pecore utilizzate per tagliare l’erba nei parchi, con esiti a metà strada tra il grottesco e il fallimentare? Ecco, l’idea proviene dalla stessa mente e troviamo così in centro città foglie di vite. La Montanari si è affidata al responsabile dei parchi di Roma, Vitaliano Biondi,con il quale aveva già condiviso un’esperienza amministrativa quando la pentastellata era nella giunta di Genova.
Attualmente presso largo Argentina possiamo “inciampare” tra i quattro vasi in resina con sopra piantati rose e, appunto, viti. Biondi spiega che l’idea è quella di far rivivere il culto del vino nell’antica Roma: “Quelle piante possono piacere oppure no, ma c’è un motivo storico per le quali sono state ideate e inoltre il pergolato fa ombra”. Un’ombra di 11 metri per migliaia di turisti e cittadini romani. Forse un po’ stretto, ma perché lamentarsi?
Di certo è meglio occuparsi di progettare un pergolato piuttosto che riqualificare il centro storico oppure trovare una soluzione per i rifiuti che sovrastano la capitale d’Italia. Quanto è costato il tutto? La Montanari sostiene:”Abbiamo usato piante e vasi che già erano nei nostri magazzini. L’intervento è a costo zero e abbiamo tutte le autorizzazioni da parte della sovrintendenza”. Certo, questo centro storico degradato non soddisfa le richieste di turisti e abitanti, ma solo i vasi di vite potrebbero esaltare la bellezza della città? Per i cittadini no e inoltre i problemi reali sono altri (del resto, come dargli torto?) non solo in quella parte del centro, ma specialmente nei dintorni. Speriamo che almeno a largo Argentina e nelle zone limitrofe non occorra fare uno slalom tra le piante e i tanto snobbati rifiuti.
Clara Tozzi

1 commento

Commenta