Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 9 gen – Spunta online la mappa del fronte dei sindaci anti Salvini, ovvero di coloro che contestano l’attuazione del decreto Sicurezza e si rifiutano di applicarlo perché ritenuto troppo discriminante per gli immigrati. A pubblicarla è l’account twitter di Baobab Experience, associazione romana che fornisce assistenza agli immigrati, resasi nota alle cronache per avere più volte allestito tendopoli di clandestini, tutte sottoposte a sgombero, nelle zone intorno alla stazione Tiburtina e per aver denunciato Salvini per “istigazione all’odio razziale” nell’agosto del 2018.

Sangue di Enea Ritter

Baobab torna alla carica in questi giorni presentando sui social una dettagliatissima mappa interattiva: in essa vengono mostrati tutti i comuni interessati all’iniziativa e ne viene indicato il grado di coinvolgimento – o di “resistenza” come amano dire gli autorazzisti -, suddividendolo in “resistenza di sindaci”, “resistenza importante di cittadini e associazioni”, “resistenza parziale”, “i precursori”, e per i più indecisi “opposizione? Forse!”sindaci ribelli

Black Brain

Al nord Torino si dimostra la provincia più battagliera; si registra una discreta adesione all’iniziativa in Toscana tra Firenze, Empoli e Prato. Seguono Napoli e Palermo. Ad un primo sguardo, e a cartina rimpicciolita, potrebbe sembrare che un esercito di sindaci sia pronto alle barricate. In realtà, se si ingrandisce bene la mappa, si scopre che in gran parte del territorio italiano le amministrazioni non hanno preso posizione, in alcune grandi città (Milano, Genova, Venezia) il dissenso non proviene dalle istituzioni ma da associazioni di cittadini e che, in sostanza, il numero di “ribellioni” è abbastanza esiguo, per niente “in espansione” come invece sostengono i compagni di Baobab.

Aldo Milesi

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta