Roma, 17 mag – Continua la polemica tra Elon Musk e Twitter, il social network acquistato dal magnate sudafricano naturalizzato statunitense, la cui operazione è in fase di stallo per la nota questione degli “account falsi”. Lo rende noto l’Ansa.

Elon Musk e Twitter, la diatriba sugli account falsi

Elon Musk torna a parlare di Twitter e della sua acquisizione in fase di stallo: “La mia offerta era basata sul fatto che i filing di Twitter alla Sec fossero accurati. Ieri il ceo di Twitter ha pubblicamente rifiutato di provare che gli account ‘fake’ o ‘spam” fossero “inferiori al 5%”. Aggiungendo poi: “Questa operazione non può andare avanti fino a quando non lo farà”. Il fondatore di Tesla, su Twitter, dichiara che i profili falsi “potrebbero essere molto più alti” del 20%. E che quel dato già rappresenta “quattro volte” quelli indicati da Twitter stessa. Poi aggiunge: “Mi sembra che Twitter dovrebbe apprezzare una validazione esterna se le sue affermazioni sono vere”.

Transazione da completare alle regole stabilite

Musk afferma anche che Twitter “è impegnata a completare la transazione al prezzo e alle condizioni stabilite appena possibile”. Il magnate dichiara di aver depositato alla Sec il cosiddetto proxy statement, ovvero il documento informativo per gli azionisti che “contiene importanti informazioni incluso il background e le ragioni della transazione di Twitter con Musk”. Il prezzo dell’acquisizione è di 54,2 dollari ad azione, cioè il valore che Musk sostanzialmente vuole rimettere in discussione sollevando dubbi sugli account falsi. Il che, effettivamente, potrebbe essere anche un modo per “trattare”. Vedremo come evolverà la situazione.

Alberto Celletti

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

8 Commenti

  1. Il mio account non è fake e infatti lo tengono sotto sequestro da 6 anni.

    Magari non gli piaceva la vera, se fosse stata falsa mi avrebbero già pluridenunciato ex art. 501 codice penale, informazione finanziaria in italiano pare non fosse gradita.

    Domani fiondatevi a vendere l’aumentone odierno di Milano, i soldi si fanno comprando in crollo e vendendo in giorni come oggi in cui fanno l’aumentone jackpot superenalotto per acchiapare polli da spennare.

    Se va come dico io, con la tecnica di cui sopra, domani in 9 giorni realizzo un guadagno del 10% netto, o preferite rimetterci ascoltando “consulenti” che vi dicono di comprare l’aumentone di oggi?

  2. Ve lo avevo scritto ieri di sputare in faccia ai “consulenti” che oggi vi avrebbero proposto di comprare l’aumentone 😛
    https://www.borsaitaliana.it/homepage/homepage.htm

    Io lavoro onestamente come tutti per mangiare non sopravvivo truffando boccaloni come l’elite finanziaria e i suoi tira piedi
    https://www.ilgiorno.it/milano/cronaca/truffa-diamanti-1.7548994

    https://www.investireoggi.it/risparmio/obbligazioni-subordinate-mps-la-truffa-della-conversione-volontaria-ufficiale/

    https://www.milanofinanza.it/news/banca-etruria-ipotesi-truffa-nella-vendita-obbligazioni-subordinate-201605091846428763

    Domani e venerdì tenteranno l’aumentone sperando che di memoria corta grazie al weekend i boccaloni si facciano spennare lunedì, continuate a stare alla larga da mercati di carta igienica usata per di più taroccati
    https://massimosconvolto.wordpress.com/2016/09/07/ripresa-per-il-culo/

    L’acquisto di twitter da parte di #Musk era solo fumo per pescare boccaloni decerebro sinistrati che pendono dalle labbra di un produttore di cancri ambientali e spacciarli spazzatura sovraprezzo.

Commenta