Il Primato Nazionale mensile in edicola

Napoli, 14 mag – Quella che poteva essere una grande festa popolare è stata invece una tragedia familiare. E’ la storia di Gianluca Gaetano, il 19 enne attaccante del Napoli, che ha esordito nella partita con la Spal a Ferrara di domenica. Ma proprio a causa dei festeggiamenti per il suo esordio in serie A, l’amata nonna di Gaetano è morta, per un malore (presumibilmente un infarto) dopo un litigio con i vicini di casa.

La tragedia a causa dei festeggiamenti

La tragedia è avvenuta a Cimitile, vicino Nola, dopo il fischio finale della partita vinta dal Napoli per due reti ad una contro la Spal. A far scattare il diverbio con i vicini di casa l’esplosione dei fuochi d’artificio per festeggiare l’esordio del calciatore classe 2000 e la musica ad alto volume. Nonna Carmela, 67 anni, ha provato a sedare gli animi, venendo colta da un malore, che non le ha lasciato scampo, nonostante i soccorsi. Gaetano ha appreso la notizia quando l’aereo della squadra è atterrato a Napoli. “Mi hai visto esordire e poi te ne sei andata senza che potessi salutarti. Sarai sempre nel mio cuore“. E’ il ricordo del calciatore su Instagram.

I messaggi di cordoglio

“Il Presidente Aurelio De Laurentiis, il Vice Presidente Edoardo De Laurentiis, tutti i dirigenti, Carlo Ancelotti e lo staff tecnico, la squadra e l’intera SSC Napoli abbracciano forte Gianluca Gaetano e si uniscono al dolore della famiglia per la scomparsa della nonna Carmela“, è il messaggio di cordoglio della società. “Il Napoli ci è stato subito molto vicino”, raccontano i parenti. “Ma è stato davvero un peccato rovinare così una giornata che era bellissima”. Anche Gianluca Grava, responsabile del settore giovanile del Napoli dove Gaetano è cresciuto, ha mandato subito un messaggio di cordoglio al papà del ragazzo: ennesimo segnale di vicinanza a lui e a tutta la famiglia.

Ludovica Colli

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta