Roma, 2 lug – Scusate, avevamo sbagliato tutto. Per anni abbiamo affrontato la questione migratoria tentando di sviscerare tutta la complessità del fenomeno: gli aspetti demografici, sociali, etnici, culturali, criminali, l’impoverimento nostro e loro, l’effetto sui salari e sui diritti sociali, la difficile e spesso impossibile convivenza di stili di vita differenti, la questione islamica, la mancata integrazione delle seconde generazioni in Paesi come Francia e Belgio, le relazioni tra immigrazione e terrorismo, le prospettive sociali a medio e lungo termine… Abbiamo perso tempo a discutere di tutto questo, quando avremmo potuto benissimo affidarci al medagliere dei Giochi del Mediterraneo, manifestazione sportiva che ovviamente ogni italiano segue da sempre con fervore e passione, si sa. Non tutto il medagliere, peraltro, ma solo la staffetta 4X400.

Ecco, bastava attendere la foto di Maria Benedicta Chigbolu, Ayomide Folorunso, Raphaela Lukudo e Libania Grenot. Perché discutere ancora, cosa c’è da argomentare? L’immigrazione è bella, perché quattro ragazze di origine immigrata hanno vinto un oro. Ai Giochi del Mediterraneo. Quindi, a che serve discutere? Perché continuare a sforzarsi di comprendere la realtà oltre la coltre della retorica? Va tutto bene così, l’integrazione sarà un successo, l’accoglienza funziona e non crea problemi, ci sono risorse per tutti, essere mescolati è bello, vieni anche tu nei Ringo Boys. E gli italiani-italiani che hanno vinto medaglie? Quelli non fanno tendenza. E gli immigrati-immigrati che non vincono medaglie, ma che nelle nostre stazioni e nelle nostre periferie vediamo impegnati in tutt’altri e meno nobili sport? Quelli non esistono, o al limite sono incidenti di percorso, che solo una propaganda xenofoba e paurosa tende a evidenziare.

Tutto quello che c’è da sapere sull’immigrazione è racchiuso in quell’immagine. Tutto quello che ci arriverà dai barconi sono medaglie d’oro e tanta simpatia. Certo, se ti metti in testa di portare l’Africa in casa tua, ci sta che vinci qualche gara di atletica in più. A questo punto, propongo di importare etiopi per vincere le maratone, di deportare brasiliani a cui far fare gli attaccanti, di dare la cittadinanza ai russi per diventare campioni di scacchi, e perché no, peschiamo programmatori in India, amministratori pubblici in Giappone, ballerini a Cuba infine importiamo fidanzate dalla Russia. Costruiamoci la nostra nazione un po’ come la vogliamo. Ne uscirà fuori una bellissima e coloratissima Italia. Italia?

Adriano Scianca

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

5 Commenti

  1. Mi ricordo un film del cantante Ligabue di alcuni anni fa’ in cui trattava piuttosto velocemente (…) e molto superficialmente il tema degli stranieri; a quel tempo non aveva ancora operato la premiata ditta renzi/alfano e non erano ancora arrivate 600.000 “risorse”-clandestini. Nel film veniva intervistata una ragazza albanese, che parlava perfettamente l’italiano ed aveva un atteggiamento rispettoso e a suo modo problematico, insomma educata.
    Questa ragazza adesso avrà 25 anni, forse 30, era una, un esempio oggi assai raro.

  2. Vediamo quante ong resteranno in mare a prestare “soccorso” ai poveri migranti, quando Salvini ridurrà da 35 a 10 euro al giorno il mantenimento dei nostri fratelli… È vediamo quante cooperative di proporranno per accoglierli e assisterli…

  3. Articolo serio ed inattaccabile. Punto e a capo. Mi dispiace per coloro che hanno ancora la pelle bianca……che brutta cosa…..

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here