Roma, 20 lug – Il sindaco di New York lancia un appello non proprio consono, per lo meno a chi tiene alla propria pelle, come riporta Tgcom24.

Il sindaco di New York, il caldo e gli squali

Eric Adams, sindaco di New York City, si è reso protagonista di un bizzarro appello per affrontare il caldo soffocante che la cosiddetta Grande Mela sta affrontando nelle ultime settimane. La città è ormai stabile su livelli superiori ai 32 gradi, il che ha spinto il primo cittadino a proporre ai newyorkesi una soluzione quanto meno grottesca: andare al mare. Ci si chiederà cosa ci sia di tanto strano. In verità ben poco, se recepita in senso assoluto. Relativamente a New York, però, l’appello diventa quasi tragicomico. Molte delle spiagge frequentate dai newyorkesi, proprio in questo periodo, sono chiuse. Quel che è peggio, sono chiuse per la presenza degli squali.

“Uscite di casa”

Non stare a casa è uno dei consigli, insieme all’ovvia idratazione e all’assistenza ai vicini, specialmente se anziani. Eric Adams ci aggiunge anche le spiagge, forse addirittura non consapevole della chiusura di buona parte di esse. In ogni caso, il cemento bollente di New York va abbandonato in qualche modo, ove possibile, per trovare refrigerio. Se non altro, tra i luoghi dove rinfrescarsi, sono incluse anche le piscine. Decisamente meglio di un oceano attualmente infestato da pesci carnivori.

Alberto Celletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta