Home » “No to racism”: quando è la Fifa ad essere razzista

“No to racism”: quando è la Fifa ad essere razzista

by Lorenzo Cafarchio
3 comments

Fifa NeymarRoma, 16 gen – Contro il razzismo? Si, ma solo quando non è lei a farlo. La Fifa – acronimo di Fédération Internationale de Football Association – ha oscurato, nel video trasmesso dal suo canale ufficiale, FifaTv, in occasione dell’assegnazione del Pallone d’Oro – Lionel Messi si è aggiudicato il prezioso trofeo – la fascia che indossava in testa Neymar durante i festeggiamenti della vittoria dell’ultima Champions League alzata dal Barcellona, che recitava la scritta “100% Gesù”.

L’Organismo di Zurigo si difende asserendo di non voler ferire la sensibilità di nessuno, ma non tutti hanno preso positivamente questa iniziativa. Il quotidiano spagnolo HazteOir in poche ore ha raccolto oltre ventimila firma contro la Fifa che si fa maestra di comportamento e bon ton quando i diritti da difendere sono quelli delle minoranze razziali e religiose, ma non tollera gli atleti di Cristo. Invitiamo gli uomini in giacca e cravatta a fare pace con il cervello, mettendo, magari, da parte gli scandali di corruzione che in questi mesi hanno scosso il calcio mondiale, recandosi in chiesa per espiare la propria anima dai peccati che hanno commesso in nome della laicità usata come barriera per nascondere le proprie malefatte.

Lorenzo Cafarchio

You may also like

3 comments

Paolo 16 Gennaio 2016 - 8:56

Ritengo che il calcio, mai come questi tempi sia diventato davvero il “catalizzatore” con cui effettuare un continuo e devastante lavaggio del cervello alle masse. Ritengo anche (opinione mia, sia chiaro) che bisognerebbe davvero disertarlo, considerando che ormai, dello sport inteso come tale, non mi pare abbia proprio più nulla.

P.S.
Non intendo assolutamente offendere i sentimenti di nessun tifoso, pertanto chi non è d’ accordo con me lo dica tranquillamente, ma senza trascendere agli insulti.

Quella che ho espresso, è una pura e semplice opinione personale.

Reply
Anonimo 19 Gennaio 2016 - 2:55

Basta vedere chi controlla in generale l ‘informazione ovvero chi la finanzia
Thò chi sarà il nuovo presidente fifa ?
Forse non volevano offendere il sultano ?

Reply
Adolfo Zauli 21 Gennaio 2016 - 2:09

Ma di che vi lamentate, con uno come il sig. Bergoglio che sarebbe stato il primo a censurare la scritta sulla fascia in nome delle sue appartenenze mondialiste? 🙁

Reply

Commenta

Redazione

Chi Siamo

Il Primato Nazionale plurisettimanale online indipendente;

Newsletter

Iscriviti alla newsletter



© Copyright 2023 Il Primato Nazionale – Tutti i diritti riservati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: