Bologna, 13 gen – Un lungo post su Facebook, pubblicato a inizio anno: e poi centinaia di condivisioni e commenti. Il ginecologo Giuseppe Battagliarin lancia un appello alle “superdonne”: quello a non lavorare sino al nono mese.

Battagliarin è il presidente della commissione nascite dell’Emilia-Romagna.
Il suo intervento inizia (e prosegue) ironicamente: “Per voi questo anno si apre all’insegna della conquista di nuove libertà (o forse di antiche schiavitù). Finalmente potrete lavorare, con l’approvazione formale dell’INPS, fino al momento di partorire”. E insiste: “Potete vedere riconosciuta e sancita la vostra innata e fisiologica capacità di essere super donne“.

Il ginecologo affronta un tema scomodo con l’arma del sarcasmo. “Vi è stato tolto il diritto di godervi l’ultima parte della gravidanza.” E avverte: “Preparare il corredino, la stanzetta per il neonato” non sono “cose inutili” solo perché “voi siete donne moderne e quelle cose d’altri tempi, nel terzo millennio, sono facilmente realizzabili in metropolitana usando lo smartphone con l’e-commerce”.

Battagliarin conclude l’appello con una nota di dolcezza e di responsabilità: “Vi auguro una nascita come la immaginate invitandovi ad esigere gli spazi e i tempi che ad ognuna di voi e al vostro bambino sono dovuti“.

Ilaria Paoletti

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

5 Commenti

Commenta