Roma, 14 nov – Quello fra cartaceo e digitale è un bivio che indubbiamente divide i lettori (ma anche i redattori) del Primato Nazionale: l’amante della carta aborrisce leggere la sua copia del Primato su di uno schermo, figuriamoci poi i volumi de “I Grandi Italiani“. Il lettore più tecnologico invece sorride godendosi i vantaggi della lettura on line: non deve aspettare i tempi di spedizione e in più risparmia soldi.

Una disputa in salsa digitale fra tradizionalisti e futuristi? Probabilmente l’immediatezza della lettura del formato digitale avrebbe convinto Marinetti, ammaliato dall’elettricità e dal dominio dell’uomo sulla macchina. Che sia anche una scelta più economica (ed ecologica) non lo avrebbe invece interessato più di tanto. Nel 2022 come avrebbe diffuso il Manifesto del Futurismo?

Non lo sappiamo, ma intanto per il prossimo anno il Primato si arricchisce (ufficialmente) dell’abbonamento digitale: la possibilità quindi di avere ogni mese la copia digitale della rivista mensile. A questa può essere aggiunta anche la versione digitale del volume de I Grandi Italiani, che usciranno in abbinamento con la rivista.

Come si legge la copia digitale

La sala di lettura (virtuale) è l’edicola digitale del Primato: qui è possibile acquistare tutti i prodotti del Primato, sia in versione cartacea che digitale. Acquistando una copia verrà creato l’account personale: sarà poi sempre accessibile con le proprie credenziali. Scegliendo l’opzione digitale del prodotto il lettore troverà sul proprio profilo personale tutte le copie acquistate, sempre a disposizione.

La lettura della copia avviene attraverso un lettore digitale: la copia verrà quindi sfogliata come se fosse di carta. Questo vale sia per tutti i numeri del Primato Nazionale (anche il mitico numero 1, esaurito da tempo e quindi disponibile proprio solo in versione digitale) che i volumi della collana “I Grandi Italiani”.

Tutti i vantaggi della copia digitale

“Velocità e risparmio” sembra lo slogan di un detersivo, ma in effetti si tratta proprio dei vantaggi che offre la copia digitale. I numeri del Primato, così come i volumi de I Grandi Italiani, vengono infatti pubblicati sull’edicola digitale in concomitanza con la data dell’uscita in edicola. Di fatto il lettore digitale è il primo ad avere la copia a disposizione. A questo si aggiunge il risparmio sul prezzo di copertina della rivista mensile.

Anche per la formula di abbonamento valgono gli stessi vantaggi. Anzi, ancora di più: perché anche i volumi de I Grandi Italiani godono di uno sconto. Pertanto per il 2022 è possibile abbonarsi alla sola rivista ad un costo di 40 euro, mentre l’abbinamento rivista+volume della collana costa 80 euro. Un risparmio rispettivamente di 15 euro e 30 euro rispetto all’abbonamento cartaceo, che prevede già uno sconto rispetto al prezzo di copertina del Primato.

Concludendo, cosa avrebbe scelto Filippo Tommaso Marinetti non lo sappiamo. Ci piace immaginarlo comunque fra gli abbonati del Primato Nazionale, sia della rivista che della collana. Un grande italiano che legge I Grandi Italiani: avrebbe avuto sicuramente qualcosa da dire.

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta