Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 23 apr – Sbarchi record nell’ultimo fine-settimana, complice il bel tempo e le nuove strategie di “marketing” per favorire la tratta di esseri umani.
Quasi 1.400 immigrati in 48 ore, ossia un quarto di tutti quelli sbarcati sulle nostre coste dall’inizio del 2018.
La novità più preoccupante è quella di una “strategia commerciale” in stile “Viaggi gratis se porti un amico” messa in atto da chi gestisce la tratta tunisina, secondo quanto riferito dagli immigrati sbarcati a Pozzallo.
Intanto, al largo della Libia c’è stato un altro naufragio, il secondo negli ultimi due giorni. Infattti ieri sono stati recuperati undici cadaveri a cinque miglia da Sabratha.
Il grosso dei barconi è partito dalle coste libiche, ma non mancano quelli che hanno battuto la tratta tunisina. Ieri, per esempio, in 79 sono giunti nel porto della cittadina del Ragusano con la nave militare portoghese “Francisco Del Almeida”. Il viaggio dalla Tunisia costava mediamente 1.200 euro, ma alcuni hanno potuto usufruire di un’offerta “speciale”. “Se portate un amico pagante, potete viaggiare gratis”, questa la proposta dei trafficanti. All’arrivo sulle coste italiane, è stato fermato anche uno scafista. Si tratta del tunisino 34anne Sofied Sadek. La squadra mobile di Ragusa ha inoltre individuato 16 tunisini che erano già stato fotosegnalati in Italia. Alcuni con diversi precedenti penali ed altri per aver già tentato di fare ingresso in Italia e respinti. Cinque quelli arrestati che saranno nuovamente espulsi con provvedimento del prefetto e accompagnamento coatto in Tunisia.
A Trapani, invece, si sono registrati momenti di tensione quando la nave “Aquarius” della ong Sos Mediterranee è sbarcata con 537 immigrati a bordo. Uno di loro, un tunisino si 18 anni, si è tuffato in acqu mentre l’imbarcazione stava attraccando: temendo un nuovo rimpatrio – sarebbe il terzo – ha tentato disperatamente di sfuggire ai controlli, ma subito in difficoltà è stato recuperato e soccorso. Per lui e gli altri immigrati la destinazione momentanea è l’hotspot di contrada Milo.



Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta